Delle corrispondenze in fotografia

Lisa Zillio

In fotografia, la sinestesia permette all’autore di comunicare con il pubblico a diversi livelli
Adaman Sea, Thailand | Gabriele Orlini, ©2017

Lisa Zillio

Delle corrispondenze in fotografia

Questo articolo è disponibile anche in: English

La sinestesia, per uno scrittore, è quella figura retorica che gli permette di “associare in un’unica immagine due parole o due segmenti discorsivi riferiti a sfere sensoriali diverse.
(tratto dalla definizione dell’Enciclopedia Treccani)

Un esempio?
Fabrizio De Andrè cantava “corsi a vedere il colore del vento“, ne Il sogno di Maria.

La sinestesia serve quindi a creare corrispondenze: tra sensi, tra pensieri, tra mezzi di espressione.

In fotografia, la sinestesia permette all’autore di comunicare con il pubblico a diversi livelli. Fa leva sul substrato personale di ognuno di noi, quel famoso background che ci caratterizza come persone. Dai libri che leggiamo, alla musica che ascoltiamo, ai profumi che sappiamo riconoscere e che magari generano in noi un’emozione precisa o un ricordo ben definito.

Creare correlazioni è uno dei piaceri, e dei doveri, del fotografo. Sono relazioni più libere rispetto a quelle della scrittura. Difficilmente controllabili in toto dall’autore, nascono nella nostra pancia e per crescere hanno bisogno di noi. Davanti a una fotografia ci si mette in gioco, completamente. Si resta impigliati in connessioni che neanche ci si immaginava per poi uscirne con una consapevolezza nuova.

Ogni fotografia è un tassello, un impegno a evolvere. Ma solo se vogliamo prenderci questa responsabilità. Se non ci mettiamo in gioco, se non seguiamo le sinestesie che contiene, sarà solo un’altra immagine nel panorama già troppo affollato di questi tempi.

Testo:  Lisa Zillio
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
DooG's Founder
Lisa Zillio Profilo
Italia
Filmmaker | Producer

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

La ricerca dell'oro in Burkina Faso è la nuova evanescente speranza per i giovani che emigrano dai villaggi in cerca di un futuro.
Pissy è il nome di una cava di granito situata a pochi minuti dalla capitale del Burkina Faso, dove lavorano più di tremila persone.
Il racconto di un incontro personale con il Voodoo in Togo, nell'Africa occidentale.
In Fez, Morocco, there is a free clinic that takes care of donkeys, mules and hinnies, the real driving force of this city

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024