Una storia vissuta a Buenos Aires, Argentina

Paseador de perros

di Alida Vanni

L’Argentina è il paese latino americano con la più alta concentrazione di animali domestici.
I possessori di cani possono affidare i propri animali ai Paseador de perros.
Sono giovani ragazzi o ragazze che intrattengono i cani sia per i quartieri che per i parchi destinati agli animali domestici. Si pensa che la camminata del cane sia semplicemente per soddisfare i propri bisogni fisiologici, invece una sana passeggiata è necessaria per la salute e il benessere del nostro animale domestico.

Il Paseador de perros è una vera e propria professione con buone conoscenze per la funzionalità della camminata collettiva. A seconda della razza del cane, dell’età e delle condizioni fisiche, cambiano le esigenze. I cani vengono presi nelle proprie case e restituiti dopo circa 2 ore.

CABA | ©Alida Vanni, 2018

L’abilità nel mantenere unito il gruppo canino è veramente unica. Sorprende come i Paseador riescano a gestire nelle mani, con la massima facilità, dai 5 ai 15 guinzagli. È decisamente curioso vedere tanti cani sui marciapiedi che fanno jogging vicini l’uno all’altro, senza abbaiare, senza lottare tra loro e senza tirare il guinzaglio. 

Al momento del bisogno fisiologico, tutti i cani aspettano tranquilli e immobili che il loro compagno finisca, per poi ricominciare la marcia. Quando il paseador si allontana per restituire un cane al proprio padrone, gli altri restano tranquilli nel gruppo, legati, in attesa di essere riportati a destinazione. 

Tutte le volte che si presenta una chiamata per un nuovo incarico, il cane viene fatto passeggiare singolarmente per almeno due uscite, in modo che prenda confidenza con il suo nuovo accompagnatore.
Forse in momenti di crisi ci si inventa un mestiere? È probabile.
Questi ragazzi hanno fatto dei corsi per poter svolgere la loro professione. I cani devono essere guidati in modo responsabile. Per questa attività devono essere iscritti all’agenzia di protezione ambientale.

Testo e Foto | Alida Vanni
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Alida Vanni
autore, staff
Cerco una fotografia per niente assordante, una composizione gradevole, che faccia riflettere senza infastidire l’occhio.

Dove

Abbiamo incontrato Jorgelina, 65 anni, che dal lunedì al venerdì apre il suo Comedor Micaela alle famiglie più povere del barrio La Boca.
Arrivare in Perù significa viaggiare nel tempo e riscoprire le tracce ancestrali degli Incas, dei Chancas, dei Chachapoya, dei Mochicas e dei Wari.
Kaiky, 93 anni, è forse l'ultima testimone dell'atavica cultura Moken, gli ultimi nomadi del mare. Questa è la sua storia.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Alida Vanni ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Matteo Placucci

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)