Lisa Zillio
High Line, malinconica e indisciplinata bellezza

Una storia vissuta a New York, USA

High Line, malinconica e indisciplinata bellezza

di Lisa Zillio

Sono stata a New York la prima volta nel 2013. Era agosto e faceva caldo, un caldo soffocante, e umido. Quando arrivi a New York la prima volta, tutto sembra enorme, tutto sembra alto – anzi altissimo – e tutto è diviso in blocchi. Orientarsi a Manhattan è semplice proprio per questo: le sue strade seguono una struttura a griglia e sono divise in street, disposte orizzontalmente, e avenue, a loro perpendicolari. Camminare per Manhattan significa trovare angoli retti a ogni incrocio e la sensazione è un po’ quella di muoversi costantemente sul perimetro di qualcosa senza poterci mai entrare davvero. È come star sempre sull’uscio, nella frenetica attesa che qualcuno apra la porta. O almeno questo è quello che è successo a me. Alla fine, però, una porta aperta l’ho trovata. Si trova nel West Side di Manhattan e si chiama High Line.

High Line: da ferrovia sopraelevata a finestra su Manhattan

La High Line, oggi, è un parco urbano che si staglia nel cielo di Manhattan per 1,45 miglia, lungo una ex linea ferroviaria sopraelevata. Questa venne costruita negli anni Trenta del secolo scorso per trasportare merci e sostituire così una ferrovia a livello stradale, conosciuta come la Death Avenuela strada della morte – per i numerosi incidenti.

Nel 1980 la High Line cadde in disuso, venne abbandonata e si trasformò presto in un gioiello di archeologia industriale, dove la natura giorno dopo giorno riconquistava i propri spazi. Come si può immaginare, tanti furono gli interessi in gioco in quegli anni tra chi voleva demolirla per costruirci altro e chi voleva salvarla e riqualificarla. Vinse questa rocambolesca lotta, fatta di battaglie legali e sognatori-visionari, l’associazione Friends of the High Line, fondata nel 1999 da Joshua David e Robert Hammond. 

Nel 2006 fu indetto il concorso per la riqualificazione della struttura e il progetto che si aggiudicò l’appalto fu quello proposto dalla cordata Diller Scofidio + Renfro & Field Operations. Il progetto prevedeva 4 fasi di intervento, corrispondenti ad altrettante parti di questa linea verde urbana. La prima è stata completata nel 2009, la seconda nel 2011, la terza nel 2014 e l’ultima – lo Spur – nel 2019. 

Una greenway che non è solo una linea verde

Quando l’ho incontrata per la prima volta, la High Line non era completa: mancavano la terza e la quarta parte. Era solo a metà, ma era già parte di New York, dei newyorkesi, e anche di tutti gli stranieri che visitano giornalmente questa città. Perché? Perché tanto attaccamento a qualcosa di transitorio in una città mutevole come questa?

Ho conosciuto Rick quando ho cominciato a chiedere in giro perché New York amasse tanto la High Line. Ho passato giorni camminando avanti e indietro lungo questa linea in grado di squarciare il West Side di Manhattan. L’unica da cui si poteva entrare nella città a 9 metri d’altezza. Rick è un architetto e all’epoca lavorava presso il Center of Active Design. Abbiamo passato più di un pomeriggio a parlare del progetto: lui conosceva di persona lo studio che lo avevano ideato. Ma soprattutto, anche lui amava visceralmente l’High Line. 

Mi sono rimaste impresse due parole ricorrenti nelle nostre chiacchierate: malinconica e indisciplinata, entrambe riferite alla struggente bellezza di questa ferrovia abbandonata. È proprio da qui che sono partiti per realizzare quella che oggi è l’High Line. L’idea era tradurre in un parco urbano l’eredità di questa infrastruttura dove la natura ha riconquistato il suo spazio. Ma nulla qui è lasciato al caso. Vedete per esempio quei fili d’erba selvatica che crescono tra le fessure del marciapiede? È voluto, non è un caso. È permesso dal sistema di pavimentazione che lascia degli spazi liberi tra una piastra e l’altra. Qui, la biodiversità e l’elemento antropico sono liberi di conoscersi e integrarsi.

Miele, passeggiate e arte

In quei giorni ho incontrato tantissime persone. Cheryl, apicoltrice, ha quattro-cinque arnie su uno dei rooftop che si affacciano sulla High Line e produce il cosiddetto miele di New York. Barron viene qui tutti i giorni dopo l’ufficio. Ancora con il completo addosso, passeggia fino al grande e colorato murales all’altezza della 25° strada. Sara e le sue amiche si incontrano spesso nell’anfiteatro che dà sulla 17° strada. A Connie, invece, piace rilassarsi sugli sdraio che trova tra la 14° e la 15° strada.

Mark è qui con i suoi due figli, Bob e Mel, per partecipare a una delle tante attività organizzate per le famiglie dall’associazione Friends of The High Line. C’è chi viene a correre (anche se in alcune ore, specialmente nelle giornate di bel tempo, c’è davvero troppa gente per farlo), chi a leggere un libro, chi a suonare il sax o a perdersi nel suo orizzonte.

Perché, come ha scritto Adam Gopnik in questo articolo pubblicato sul New Yorker: “The High Line does not offer a God’s-eye view of the city, exactly, but something rarer, the view of a lesser angel: of a cupid in a Renaissance painting, of the putti looking down on the Nativity manger.

Testo e Foto | Lisa Zillio
Photo Editor | Gabriele Orlini
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Lisa Zillio Profilo
founder, staff
Mi piace percorrere strade dove la vita s’intreccia con l’arte.

Dove

Dello stesso autore ...

Secondo appuntamento con il Travel Log di DooG Reporter dal Sud America. Prima tappa: Valparaíso.
Abel, un uomo dall’età indefinita, era lì quando siamo arrivati a Comodoro Rivadavia con le ombre che ormai si allungavano sulla strada.
Se la bellezza di questo nostro mondo ci sembra svanita, proviamo a cambiare punto di vista. Ed eccola là che subito riappare, più bella che mai.
Perchè leggiamo? Un murales de La Boca a Buenos Aires ci suggerisce “La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno”.
Le rivolte inestirpabili, parole di Erri De Luca e fotografie di Danilo De Marco, è un libro per chi vuole ascoltare, lottare e poi raccontare.
Siamo un gruppo e per questo, come mi è stato detto una volta “porta sempre con te un paio di calzini anche per il tuo compagno di strada”.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Lisa Zillio ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Renato Rossetti

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)