Alida Vanni
La più longeva dei Moken

Una storia vissuta a Kho Phayam, Thailandia

La più longeva dei Moken

di Alida Vanni

Circa ottocento isole formano l’arcipelago di Mergui, al largo delle coste meridionali della Birmania, lungo la costa occidentale della Thailandia.
Un’isola in particolare attira la nostra attenzione, Kho Phayam nel mare delle Andamane.
Qui, in questo luogo di pace e silenzio, vivono i Moken, gli ultimi nomadi del mare. Un popolo ancestrale che conta ormai poche migliaia di persone.
La vita dei Moken è principalmente legata all’oceano e si dice che i bambini imparino a nuotare ancora prima di imparare a camminare. 

Il legame con il mare e la loro conoscenza dei venti e dei cicli lunari furono la salvezza di questo popolo durante lo spaventoso tsunami che nel 2004 colpì la costa della Thailandia. Si spostarono all’interno, nella terra ferma, lontani delle coste, fuggendo così alla catastrofe.

Moken | ©Alida Vanni, 2017
Moken | ©Alida Vanni, 2017

Kaiky: la più anziana dei Moken

Il loro mondo si svolge all’interno delle proprie imbarcazioni chiamate kabang, barche in legno costruite da loro. Alcuni di loro rimangono sulla terra ferma nel periodo delle piogge per poi salpare quando il tempo migliora. È in questo periodo che abbiamo potuto avvicinare e documentare la vita, ormai limitata, di una sorprendente donna di 93 anni, Kaiky, verosimilmente la più anziana dei Moken.

La vita di Kaiky è stata ritmata da incessanti spostamenti con le imbarcazioni kabang, lungo le coste della Thailandia. Ormai indebolita, stanca e segnata dall’artrosi, conduce una vita ristretta sulla terra ferma. Il suo mondo è una scatola di plastica rosa dove custodisce le sue medicine e creme che puntualmente, tutti i giorni, la figlia le spalma sulla schiena ormai rugosa e magra. I suoi spostamenti quotidiani sono ormai limitati in pochi metri quadrati e il suo mondo non può più essere l’immensità e infinità del mare. Ma non sembra avere nostalgia della vita dedicata a cucinare e seguire il marito e la famiglia dentro la barca.

Kaiky è probabilmente l’ultima testimone dell’atavica cultura Moken. Una cultura che da sempre, e ancora oggi, rifiuta i beni materiali.

Testo e Foto | Alida Vanni
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Alida Vanni
autore, staff
Cerco una fotografia per niente assordante, una composizione gradevole, che faccia riflettere senza infastidire l’occhio.

Dove

Alida Vannialtre publicazioni
I Paseador de perros sono giovani ragazze e ragazzi che portano a passeggio più cani contemporaneamente, lungo le vie di Buenos Aires.
Questa è la storia delle makorelle: così vengono chiamate le prostitute a Nosy Be. Anche se in quest'isola la parola prostituta non esiste.
La ricerca dell'oro in Burkina Faso è la nuova evanescente speranza per i giovani che emigrano dai villaggi in cerca di un futuro.
Abbiamo incontrato Jorgelina, 65 anni, che dal lunedì al venerdì apre il suo Comedor Micaela alle famiglie più povere del barrio La Boca.
Alida Vanni
Intervista alla fotografa Alida Vanni, ora a Zanzibar, su questo complesso periodo storico a causa della pandemia.
Il Cementerio de la Recoleta è uno dei cimiteri più importanti del mondo. Costruito nel 1822, custodisce storie e misteri dei suoi abitanti.
Per questo lavoro, Alida Vanni ha impiegato tempo, energie, risorse, a volte anche sue personali.
Questo perchè seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Anche per questa ragione il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Ilaria Lazzarini
Renato Rossetti

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)