L’importanza del prendere appunti

Lisa Zillio

Quando si racconta una storia, i dettagli sono fondamentali. E prendere appunti su un taccuino è l'unico modo per non tralasciarli, anche in fotografia
©DooG Reporter | all rights reserved

Lisa Zillio

L’importanza del prendere appunti

Questo articolo è disponibile anche in: English

Quando si racconta una storia, i dettagli sono fondamentali. E anche in fotografia prendere appunti è fondamentale. Dal nome delle persone coinvolte, alla cronologia degli eventi, alla forma da dare al testo per coinvolgere il lettore.

Capita di commettere l’errore di non scrivere su un pezzo di carta queste informazioni, pensando di poterle recuperare poi in qualche modo, magari grazie a una fotografia o guardando online o scavando nella memoria. E si cade in questo errore per pigrizia, o disattenzione.

Pensare di scrivere una storia è un atto di progettazione: vanno scelti con cura non solo gli argomenti di cui parlare, perché non tutti hanno la stessa importanza nella storia che andiamo a raccontare, ma anche le parole. “Le parole sono importanti”, diceva un noto attore in un altrettanto famoso film. E lo sono davvero: possono coinvolgere o lasciare indifferente, possono fare più danni che bene. Non si tratta quindi di mettere uno dopo l’altro soggetto-verbo-predicato, ma di comporre con musicalità un pensiero, con una sua logica e uno svolgimento coerente. Per informare, emozionare e “catturare”. Per far dire al lettore che ha voglia di rileggerci, di seguirci.

Inoltre, scrivendo subito su carta, si dà una dimensione al pensiero e si rimane più concentrati. Avete mai provato ad ascoltare una persona e ad ascoltarla appuntando su carta stralci di quello che sta raccontando? La differenza è abissale.

Per questo, quando andate a narrare una storia, portatevi dietro un taccuino e una penna dove annotare informazioni, dettagli e dare inizio al racconto. Perchè prendere appunti è fondamentale, anche in fotografia.

Testo:  Lisa Zillio
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
DooG's Founder
Lisa Zillio Profilo
Italia
Filmmaker | Producer

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Queste fotografie sono frammenti di un viaggio intimo e personale e rappresentano la visione dell’autore di fronte alle ambiguità e ai contrasti del continente latinoamericano.
Kaiky, 93 anni, è forse l'ultima testimone dell'atavica cultura Moken, gli ultimi nomadi del mare. Questa è la sua storia.
La High Line è un parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di farti attraversare il West Side di Manhattan a 9 metri d'altezza.
Un po' dottoresse, maghe e psicologhe, arrivavano laddove la medicina ufficiale non arrivava o arrivava troppo tardi.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024