Lisa Zillio

Il dono

Fotografare è un dono. È offrire una porzione del proprio tempo al soggetto della nostra fotografia. E a chi poi la guarderà.
Villa 31 | ©Gabriele Orlini, 2017

Più viaggio per il mondo, più sento che Casa non è un luogo, ma un concetto, un respiro. È il punto a cui tornare quando me ne sono andato, anche se è solo un angolo nella mia testa, un desiderio. Ed è per questa parte di vita dedicata a viverne un’altra non mia, che queste storie hanno il valore di un dono.

Questo articolo è disponibile anche in: English

Più viaggio per il mondo, più sento che Casa non è un luogo, ma un concetto, un respiro. È il punto a cui tornare quando me ne sono andato, anche se è solo un angolo nella mia testa, un desiderio. Ed è per questa parte di vita dedicata a viverne un’altra non mia, che queste storie hanno il valore di un dono.

Un concetto semplice, che racchiude però tutta la complessità di una professione da non prendere alla leggera. Dove una parte del tempo che scorre rimane impigliata in un frame mentre l’altra precipita – non vissuta – nel passato.

Testo:  Lisa Zillio
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
DooG's Founder
Lisa Zillio Profilo
Italia
Filmmaker | Producer

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Isolation è il primo libro di un progetto a lungo termine che vuole indagare il senso stretto della parola Isola attraverso uno sguardo fotografico.
Quando è giusto fotografare? Una riflessione nata da un viaggio nella Omo Valley
Una storia di ordinaria solitudine. Una storia sbagliata in cui un pezzo di umanità si lentamente consuma nell'indifferenza generale.
Terra di pastori e di banditi, di partigiani e di ribelli. Terra di tradizioni forti, e di una storia che rischia di scomparire.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024