Djilo Louis Blaise

Kilissa (Gioia)

Fantasia nel Lamidat di Gashiga
Stories
Culture
Djilo Louis Blaise, ©2024

Questo articolo è disponibile anche in: English

Demsa, Cameroun

La storia del Lamidat di Demsa / Gashiga

Il Lamidat (lamidato) di Gashiga si trova nella regione del Nord del Camerun, all’interno del regno di Demsa. Questo regno, un tempo potente, si estendeva dalla Nigeria alla riva sinistra del Benue ma a causa delle attività di colonizzazione, il suo territorio si è ridotto a beneficio del regno di Garoua. Oggi il Lamidat di Gashiga confina a nord con il comune di Baschéo, a sud con il comune di Garoua 1er, a est con i comuni di Garoua 2ème e Pitoa, e a ovest con la Repubblica Federale del Nigeria. La sua superficie totale si aggira intorno ai 1.771 km², suddivisi in 70 villaggi, con una popolazione stimata di circa 50.000 abitanti.

Fondato nel 1830, il regno si è formato dall’incontro tra la popolazione Peul proveniente dal Mali e altre popolazioni locali (Fali e Bata in particolare), sotto la tutela del Lamidat di Yola. A partire dal 1901 fu creata la chefferie (dominio) di Demsa che si affrancò dalla tutela del Lamidat di Yola con l’accordo dei tedeschi per il controllo dei sultani della regione. Successivamente, una chefferie verrà creata in modo permanente a Gashiga.

Alla morte del padre, Sua Maestà ABOUBAKAR BABAREY MOUSTAPHA MOUSSA è salito al trono come ottavo monarca di questo regno lungo 120 anni. Ingegnere informatico di formazione, tiene alla continuità degli usi e costumi dei membri della sua comunità. Infatti, nonostante la predominanza del modernismo nella regione, egli mantiene con vigore gli usi e i costumi della sua comunità.

Kilissa
Uno dei cavalieri del Lamidat indossa il turbante prima di partecipare alla Fantasia. Il turbante è uno degli attributi che il Lamido (re) conferisce ai suoi ministri quando vengono designati come membri della chefferie. – (Djilo Louis Blaise – DooG Reporter, ©2024)
Kilissa
Babban Camaru Ahidjo, uno degli “Yérima” (principi) del Lamidat si reca alla cerimonia Fantasia offerta in onore di un’organizzazione di sviluppo locale, che ha donato banchi per le scuole e i licei del distretto. – (Djilo Louis Blaise – DooG Reporter, ©2024)
Kilissa
L’ingresso di Sua Maestà Aboubakar Moustapha Babarey (Lamido di Gashiga) e delle sue guardie del corpo segna l’inizio della cerimonia – (Djilo Louis Blaise – DooG Reporter, ©2024)

La cerimonia Fantasia: strumento di comunicazione costante tra il Sovrano Supremo e la sua Comunità, reminiscenza del passato e identità culturale

Nel regno di Gashiga, Fantasia è una cerimonia presieduta dal Lamido (il sovrano supremo). Questa cerimonia si tiene regolarmente per commemorare le razzie che praticavano i guerrieri di un tempo ed è uno dei marcatori dell’identità Peul all’interno di una comunità che è si è sottomessa o composta con le popolazioni locali.

Nel Lamidat di Gashiga questa cerimonia rappresenta un momento di comunione tra il Lamido e la sua comunità. Qui, di solito, si svolge in particolari momenti dell’anno o in occasioni speciali, per esempio durante feste religiose, feste nazionali e quando si accolgono ospiti illustri.

Kilissa
La danza cerimoniale dei cavalieri verso il Lamido sancisce la fine della cerimonia e il rinnovo della propria fedeltà verso il sovrano. Con questo atto, i cavalieri lo riconoscono come sovrano supremo del regno di Gashiga. – (Djilo Louis Blaise – DooG Reporter, ©2024)

La cerimonia inizia con l’arrivo delle persone più importanti del regno (i ministri) e dei principi della Faada (corte), accompagnati ciascuno dall’orchestra locale dei griot che suona melodie e recita i rispettivi meriti. Prima della cerimonia, i cavalieri della coorte (generalmente persone largamente conosciute all’interno del regno) sui loro cavalli riccamente bardati si schierano lungo il viale principale. Nel frattempo, i curiosi della città, accorsi numerosi per assistere all’evento, iniziano ad animarsi non appena vedono il Lamido arrivare.

Poi, tra il clamore della folla e l’intensità delle note suonate dall’orchestra dei griot, il sovrano si siede sul trono sancendo l’inizio vero e proprio di Fantasia. È questo il momento in cui i cavalieri cominciano a sfilare davanti al sovrano. La cerimonia si conclude con una danza che il capitano della truppa e i suoi uomini fanno in direzione del Lamido, per rinnovare i loro giuramenti di fedeltà.

Testo e Foto:  Djilo Louis Blaise
Testo originale in Francese - Traduzione interna
Camerun
Demsa, Cameroun
DooG's Contributor
Djilo Louis Blaise
Camerun
Photographer

© Portfolio - Kilissa (Gioia)

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

A metà tra l'Europa e quello che l'Europa non è
Un fotoreportage dedicato al programma di vaccinazione contro il virus H1N1, conosciuto come "febbre suina", a Mandacaru, in Brasile.
I ragazzi del quartiere nella palestra di Kanchai Chang-ngoen a Chiang Mai, imparano la Muay Thai fin da bambini per diventare, un giorno, dei guerrieri.
Abel, un uomo dall’età indefinita, era lì quando siamo arrivati a Comodoro Rivadavia con le ombre che ormai si allungavano sulla strada.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024