Alida Vanni
I monaci sul mare

Una storia vissuta a Koh Phayam, Thailandia

I monaci sul mare

di Alida Vanni

Nel sud-ovest della Thailandia, nella provincia di Ranong, nel mare delle Andamane, esiste un’isola che ancora conserva gelosamente il proprio fascino discreto: è l’isola di Koh Phayam. Un’isola ancora fuori dalle rotte turistiche. Arrivando qui si percepisce un senso di pace, calore, accoglienza e spiritualità. Spiagge, baie incontaminate, mangrovie raggruppate, strade senza auto, solo moto e biciclette. La gente di Koh Phayam cerca di vivere ancora secondo le antiche tradizioni. È in questa atmosfera, in questo piccolo paradiso d’Oriente, che vive un gruppo di monaci buddisti. Scoprirono l’isola già nel 1400 e la ritennero un luogo spirituale. Il Santuario si trova sulla costa orientale di Koh Phayam ed è l’unico tempio dell’isola. L’architettura ha influenze tailandesi e birmane.

Una grande statua di Buddha e molte altre statue più piccole si affacciano sul mare, mentre il tempio per la preghiera, collegato da un lungo ponte di legno, sorge in una posizione mistica e suggestiva, sul mare.
È qui, lungo questa costa di pochi chilometri, che si svolge, con ritmi regolari, la vita spirituale di una trentina di monaci “del mare”. Essi non possono né lavorare né maneggiare soldi.

Thai Monk | Alida Vanni, ©2017

All’alba, prima delle 6 del mattino, i monaci avvolti nelle loro vivaci tuniche arancione, percorrono la costa da un’estremità all’altra per eseguire il Tanbum. Con una grande ciotola a tracollo raccolgono, dalla popolazione locale, l’offerta quotidiana che è, per lo più, di natura alimentare. I monaci buddisti non possono ricevere l’oblazione direttamente dalle mani del fedele ma la donazione deve essere posta direttamente nel loro canestro. Il benefattore riceverà la benedizione dal monaco.

L’affascinante rito delle offerte è un’usanza suggestiva e coinvolgente. Donare del cibo a un monaco è un rito molto importante in Thailandia. Il fedele che compie questo gesto guadagnerà più velocemente la strada verso il Nirvana.

Terminata la loro processione quotidiana, i monaci tornano verso il tempio con il pasto assicurato. Sarà l’unico pasto consumato del giorno.
Nel pomeriggio la maggior parte dei monaci rimane dentro il Wat per meditare, studiare e scrivere. Altri invece si dedicano a ripulire il tempio curare le piante o a lavorare all’uncinetto.

Testo e Foto | Alida Vanni
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Alida Vanni
autore, staff
Cerco una fotografia per niente assordante, una composizione gradevole, che faccia riflettere senza infastidire l’occhio.

Dove

Dello stesso autore ...

Ogni trent’anni nei boschi sacri della Casamance (Senegal), centinaia di giovani diola diventano uomini attraverso l’iniziazione del Boukout.
Arrivare in Perù significa viaggiare nel tempo e riscoprire le tracce ancestrali degli Incas, dei Chancas, dei Chachapoya, dei Mochicas e dei Wari.
La ricerca dell'oro in Burkina Faso è la nuova evanescente speranza per i giovani che emigrano dai villaggi in cerca di un futuro.
Alida Vanni
Intervista alla fotografa Alida Vanni, ora a Zanzibar, su questo complesso periodo storico a causa della pandemia.
I Paseador de perros sono giovani ragazze e ragazzi che portano a passeggio più cani contemporaneamente, lungo le vie di Buenos Aires.
Questa è la storia delle makorelle: così vengono chiamate le prostitute a Nosy Be. Anche se in quest'isola la parola prostituta non esiste.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Alida Vanni ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Joyce Donnarumma

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)