Carmine Rubicco
Lorenzo e la sua passione
Carmine Rubicco

Lorenzo e la sua passione

Una storia vissuta in

Speriamo che i medici riescano a sistemarmi in fretta così potrò tornare alla scuola calcio». Così saluta Lorenzo sporgendosi dal suo negozio di ‘cuoppi’ nel cuore di spaccanapoli.

Lorenzo (Napoli), 18 anni, fisico atletico, parlantina pronta e occhi svegli. Gestisce il piccolo negozio da un anno e mezzo, da quando un problema congenito alle gambe gli ha impedito di proseguire la scuola calcio a Macerata.

Unica passione: il calcio

Quella del pallone è una passione di famiglia oltre che della città. È stato suo padre a fissarla nell’animo del giovane partenopeo. La vita nelle Marche era tranquilla, scandita da ritmi serrati ma sopportabili perché guidati da un’esigenza interiore. Tornare a Napoli non è stato facile. Soprattutto con la consapevolezza di non poter continuare in ambito sportivo.

Lorenzo non si è lasciato vincere dallo sconforto. Sempre con l’aiuto del genitore ha aperto il piccolo negozio tra le strette vie del centro storico. Qui l’andamento delle giornate è cambiato radicalmente. Ci è voluto in po’ prima di poter prendere quello giusto. Ora Lorenzo è un perfetto creatore di cuoppi, ossia di quel contenitore conico di cartone ripieno di tipicità fritte. I turisti si avvicendano senza sosta ma non in maniera affastellante. Si avvicinano, scelgono le numerose pietanze e si siedono ai tavoli adiacenti ad attendere pazientemente.

Il giovane di Napoli senza fermarsi e senza fretta prepara gli ordini per poi distribuirli urlandone il nome dalla finestra che lo separa dalla strada. Il periodo ‘peggiore’, svela, non è l’estate. Il momento in cui quasi non riesce a muoversi dal numero esorbitante di richieste sono le feste natalizie. A dicembre le bancarelle che caratterizzano i vicoli di Napoli gli rubano lo spazio per i tavoli costringendo i clienti a sostare davanti al negozio. Non è una lamentela la sua. È semplicemente spiegare come si svolge il suo lavoro.

L’amore per il calcio non lo ha certo abbandonato. Lo dice una foto di Maradona appesa nel piccolo corridoio accanto al bancone e lo dice la sua speranza di riuscire un giorno a tornare sul campo.

Quando i dottori che ha interpellato riusciranno a rimettere in ordine le sue gambe nate con delle ossa più lunghe del normale.

Testo e Foto | Carmine Rubicco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Carmine Rubicco ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Carmine Rubicco

Carmine RubiccoJournalist | Photographer

Autore

Luogo

Il Monastero del Cavallo d'Oro sorge sulle colline ammantate dalla nebbia a nord di Chiang Rai, vicino al confine tra la Thailandia e il Myanmar.
di Carmine Rubicco
Nella piccola cittadina di Hwange, in Zimbabwe, la figura del sacerdote e del vescovo coincidono nella persona di Mons. Luis Alberto Serrano.
di Carmine Rubicco
Tra prostituzione e dipendenza dalla colla, la difficile infanzia dei ragazzi di Craica scorre nel cercare il modo di provvedere alle necessità di base.
di Carmine Rubicco
Quando non riesce a farsi capire, i grandi occhi scuri di Michelle diventano ancora più espressivi. Diventano la sua voce, la voce di chi è nato muto.
di Carmine Rubicco
Una storia di ordinaria solitudine. Una storia sbagliata in cui un pezzo di umanità si lentamente consuma nell'indifferenza generale.
di Carmine Rubicco

storie e altre storie

storie e altre storie
Italy Photo Award

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)