Fabio Fasiello
Armando, un pugile del Quadraro

Una storia vissuta a Quadraro, Rome, Italy

Armando, un pugile del Quadraro

di Fabio Fasiello

Io non sono di Roma. Però a Roma ci vivo, e ci vivo da tanto. Capire una città come Roma non è facile, e lo è ancora meno se non ci si è nati. Si deve andare oltre quella superficie patinata che tutti conoscono e respirare l’aria di quelle strade in cui, se non sei di qui, non ci metti piede. Il Quadraro è il quartiere più vasto e densamente popolato d’Europa. È un quartiere popolare di Roma, una città nella città. Quando nasci e cresci in un posto così è difficile avere punti di riferimento. Molti si perdono e basta. Cercare di sopravvivere è una necessità. Lo si fa nei modi più disparati e uno di questi è lo sport. Per il Quadraro la parola sport vuol dire solo una cosa: Pugilato. Per quarantacinque anni in via Treviri, alle spalle di Largo Spartaco, c’è stato un parcheggio abbandonato. Nel 2009 quel parcheggio è stato occupato ed è diventato il punto di riferimento dell’intero quartiere. In quel parcheggio è nata la Quadraro Boxe. Non è una palestra come le altre: come il suo quartiere è popolare. Una palestra popolare in un quartiere popolare.

L’entrata dell’ex parcheggio è adesso contornata da murales, e attraverso questa discesa si entra in palestra.
In foto Armando Casamonica entra all’interno della Quadraro Boxe.

Lottare con grazia

La bellezza del lottare con grazia anche davanti agli innumerevoli scivoloni della vita è una lezione vecchia di almeno cento anni che Hemingway e altri hanno marchiato a fuoco nell’immaginario della gente e nelle pagine dei loro libri. Pensare che fosse plausibile o quanto meno lontanamente avvicinabile come concetto lo trovavo quasi impossibile. Invece è successo. Mi ritrovo dal 2020 con il gruppo di pugilato di Silvano Setaro, maestro della Quadraro Boxe. A lui non interessa chi tu sia, da dove vieni o cosa vuoi fare nella vita. A lui l’unica cosa che importa è che tutto questo lo puoi fare davvero ma devi metterci tutto te stesso. Se in un anno ho capito qualcosa da lui è che il pugilato non è uno sport fisico, di contatto, violento. Il pugilato è uno sport dell’anima che ti aiuta a lottare con grazia contro gli innumerevoli scivoloni della vita. C’è chi è più bravo a farlo o chi, come tanti, purtroppo rinuncia. A non averci rinunciato è Armando. 

Armando, uno del quartiere

Armando è un ragazzo di ventuno anni. Armando è il tipico ragazzo del quartiere. Tatuato, con i capelli tinti, ascolta la musica del momento, gioca ai videogame. Armando, però, lotta. Lotta perché è un pugile professionista, lotta per non perdersi, per continuare dove tanti prima di lui si sono fermati. Armando ha talento e lo sa da quando era poco più di un bambino. Ma sa anche che deve coltivare questo talento con fatica e costanza per non lasciarlo sfiorire. Quando aveva tredici anni si iscrive in palestra per noia, come capita a tanti ragazzi, e lì capisce di avere questa vocazione. Da quel momento il pugilato diventa la sua unica motivazione di vita. Quei quattro angoli, quelle dodici corde, quel sacco, quei guantoni, quel sudore, quelle fasciature, quelle cicatrici, quegli occhi neri. Da quel momento Armando vive per questo. A volte Armando pensa di non essere all’altezza nonostante i sessanta incontri all’attivo, di cui gli ultimi tre da professionista. Da professionista non ha mai perso. Da dilettante solo un paio di volte. Ma Armando ha talento. Silvano lo sa, e anche Armando ne è consapevole.

Armando Casamonica durante un allenamento sul ring con il suo maestro Silvano Setaro.

Dalla consapevolezza nascono le cose migliori

Il fatto che io non sia di Roma è una consapevolezza. Il fatto che Armando abbia talento è una consapevolezza. Io ho trovato la mia Roma. Armando ha trovato il Pugilato. A volte essere consapevoli è dura. Capita che le paure di Armando si trasformino in attacchi d’ansia e in isolamento. Perché Armando è consapevole anche di un’altra cosa: del suo cognome. Il cognome di Armando non è uno qualunque. È un cognome pesante: Casamonica. Quando nasci in un quartiere come il Quadraro e ti chiami così sai che il tuo destino è già segnato, se non per te quanto meno per gli altri che da subito ti mettono un’etichetta addosso. E con un’etichetta così sulle spalle ci sono solo due possibilità: rimanerne schiacciato oppure scegliere di essere se stessi. 

Largo Spartaco, luogo simbolo del Quadraro. Al centro di questa piazza vi è questo imponente edificio di case popolari da tutti soprannominato Boomerang per la sua forma iconica. Alle sue spalle vi è l’ex parcheggio abbandanoto divenuto successivamente la Quadraro Boxe.

Scegliere di essere se stessi

Armando ha scelto la seconda. Armando Casamonica ha scelto di essere semplicemente Armando. L’ha fatto continuando ad amare la propria famiglia – i suoi più fedeli sostenitori. L’ha fatto facendosi chiamare “La Furia del Quadraro”, ma solo per i meriti sul ring. Fuori dal ring Armando lotta diversamente. Lo fa contro il pregiudizio della gente, contro ogni forma di criminalità, contro le sue paure. Armando va avanti lungo la strada che ha scelto, fino all’ultimo tintinnio del gong, fino all’ultimo minuto dell’allenamento, fino all’ultima strada del Quadraro.

Armando
Armando Casamonica assieme alla sua ragazza.
Testo e Foto | Fabio Fasiello
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

contributor
Nel mio mondo fotografico, un background umanistico si fonde con le influenze di un microcosmo romano e della sub-cultura salentina.

Dove

Per questo lavoro, Fabio Fasiello ha impiegato tempo, energie, risorse, a volte anche sue personali.
Questo perchè seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Anche per questa ragione il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Carmine Rubicco
Martina Marini
DooG Reporter

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)