Maggio 2021
Varanasi
Masterclass in reportage
Varanasi | Vinicio Fosser ©2019
Varanasi | Vinicio Fosser ©2019

Varanasi: dal diario di Vinicio Fosser #1

Dal taccuino di DooG | Staff

Volevo fotografare i gesti perché il gesto mostra e spiega la vita anche quando le parole non ci sono o non traducono. Perché il gesto è il veicolo delle intenzioni. Conosce le increspazioni del timore, le contrazioni della sofferenza e del dolore, le rughe della stanchezza e della speranza finita, la timidezza degli indifesi, l’aggressività di chi fronteggia la sopravvivenza, l’angoscia della debolezza.
Io volevo fotografare i gesti, mentre ora cerco di ricordare e di farvi vedere quello che non ho fotografato.

Io avevo detto a Jordi che volevo fotografare i gesti, e alla fine… non ci sono riuscito.

dai diari di Vinicio Fosser

Dove comincia il mondo

È a Benares che Shiva ha deciso di vivere ed è qui che il mondo è cominciato; qui i crocevia – i tirthas – sono sacri. Ma tutta Varanasi è un crocevia tra questo e l’altro mondo  e tutto il tempo è qui e forse anche tutto lo spazio… una città mandala, un cosmogramma che contiene tutti i cosmi. E in questa città convivono la frenesia del muoversi, caricare e scaricare, esporre comprare e vendere e la claustrofobia dei vicoli in cui questo si svolge. A volte così stretti che a mala pena due persone riescono a stare affiancate.

Eppure nei vicoli c’è sempre spazio: per le donne sfavillanti nei sari di colori a buon mercato, per le bancarelle di ogni cosa ove i venditori riordinano e spolverano mercanzie, a fare montagne di pallide arance, tagliare colli a polli dagli occhi curiosi, pulire pesci ingrassati nel Gange.
Spazio per uomini magri che ristagnano occupati a rimanere accucciati o semi sdraiati con le braccia come cuscini, salvo levarsi improvvisi quando si prospetta una qualche possibilità di vendita; per moto rombanti di accelerazioni improvvise, a guadagnare un metro e svoltare brusche e sincrone di passeggeri e carico di ceste, sacchi, telefonino e casco in precario equilibrio. Spazio per mendicanti che agitano ciotole vuote, con qualche chicco di riso e una rara moneta. Mentre alcuni senza neppur la ciotola e altri senza neppure le mani.

I gesti dei bambini che hanno un’età continua dai pochi anni a lanciare palle per chi ha una mazza da cricket e far volare i minuscoli aquiloni a quando sono già a mendicare rupie e a offrirti una barca, a venderti una puja, a stendere velocissimi il bucato che i dhobi hanno appena finito di addomesticare, malmenandolo sui muri inclinati del ghat, alla fine coperti di teli bianchi e di altri a colori sgargianti, forse non più puliti di prima ma certo sacralizzati nell’acqua del Gange.

E il muoversi lento del bambino preposto ai bufali lungo il ghat, vanno su e giù e vanno al fiume, si inginocchiano dentro o si sdraiano dopo aver pitturato l’aria con la coda intrisa di merda e mangiato fogli di carta di cemento… forse non hanno mai saputo che esiste l’erba o nemmeno cosa sia e per loro la prateria è il cemento dei gradini.

Ogni tanto li picchia con un bastone questi bufali sonnacchiosi e indifferenti, felici di masticare i resti dei garofani e brucare la propria ombra. O alla sera sul Dashaswamedh a vendere i lumini galleggianti dicendo tutti le stesse parole… 5 rupie, padre, madre, fratello, sorella, karma buono, e ne compriamo un  paio – Federica ed io – per vederli allontanare ballonzolando, sperando che non si rovescino, per poter avere un buon futuro e fare una buona foto. Maree di bambini che sono immessi nella vita più presto di quanto non debbano.

Varanasi | Vinicio Fosser ©2019
Varanasi | Vinicio Fosser ©2019
Diario | Vinicio Fosser
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email
founder
Siamo narratori del mondo.
Muoversi è nella nostra natura e raccontare le storie è la nostra scelta di vita.
A Varanasi ci sono innumerevoli ghat, ovvero scalinate che portano alle acque del Gange.
di DooG | Staff
Più che una religione, l’Induismo è un modo di vivere, una filosofia che raccoglie nel suo insieme le regole della società indiana.
di DooG | Staff
L'ultima parte dal diario di Vinicio Fosser, un'esperienza piena, vissuta dal di dentro, nella città sacra di Varanasi, in India.
di DooG | Staff
La seconda parte dal diario di Vinicio Fosser, un'esperienza piena, vissuta dal di dentro, nella città sacra di Varanasi, in India.
di DooG | Staff
DooG Reporter