Speciale
Cambogia
Masterclass in reportage
Teschio di elefante | Gabriele Orlini, ©2019
Elephant skull | Gabriele Orlini, ©2019

Nella giungla del Mondulkiri

Dal taccuino di DooG | Staff

Si presenta così il Mondulkiri: un’immensa distesa di un imperscrutabile verde dalle sfumature marcate, dimora di un’incredibile varietà umana, animale e vegetale. È la regione più orientale, selvaggia e meno densamente popolata della Cambogia, situata al confine con il Laos e il Vietnam. È la terra dei Bunong.

Negli anni sessanta e settanta del secolo scorso, qui passava una parte del sentiero che serviva a portare le armi dal Vietnam del Nord a quello del Sud.

I Bunong

Nella giungla che popola queste remote montagne abitano diverse minoranze, tra cui i Bunong – conosciuti anche come Pnong -, un’etnia animista che da oltre duemila anni vive in simbiosi con la natura del Mondulkiri. I Bunong, infatti, credono negli spiriti della foresta e seguono un codice di comportamento incentrato sul rispetto delle risorse che questa concede loro.
Sono i custodi di un’antica tradizione che permette loro di addomesticare gli elefanti, animali che vengono considerati veri e propri membri della comunità. Per questo gli uomini Bunong sono chiamati anche mahout che in hindi significa “chi cavalca l’elefante”. Gli uomini comunicano con gli elefanti tramite una lingua particolare, fatta di fischi, suoni rochi, grugniti e acuti.

Nelle tradizionali case Bunong sono conservati antichi vasi cilindrici che si tramandano di generazione in generazione e gong tradizionali. Questi sono gli oggetti più preziosi che le famiglie Bunong possiedono, sia dal punto di vista materiale che spirituale. Si racconta che, durante il regime di Pol Pot, molti di questi vasi furono interrati nella foresta per evitare che venissero distrutti dai khmer rossi. E sembra che alcuni di questi siano ancora lì, ad aspettare che qualcuno li vada a prendere.

Negli ultimi vent’anni si è diffusa la pratica del land grabbing, ovvero la vendita da parte di privati o enti governativi di parti di foresta, cedute ad aziende straniere in cambio di denaro, e destinate a esser sfruttate. Fortunatamente in anni recenti si è preso coscienza di questo problema e si sta cercando di arginarlo, trovando un sistema di sviluppo sostenibile per quest’area.

L’area di Mondulkiri e Sen Monorom è parte del programma della masterclass Cambogia 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Redazione & Staff
Siamo narratori del mondo.
Muoversi è nella nostra natura e raccontare le storie è la nostra scelta di vita.
Cambogia Notes
Un paese vibrante
Cambogia, il paese dove se guardi una persona un secondo di troppo questa ti sorride. E questo è sufficiente per sentirsi in pace con questo luogo.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
S21 - La collina del mango selvatico
S21, una volta Scuola Superiore Tuol Sleg a Phnom Penh, è stato il più importante centro di detenzione e tortura ad opera del regime dei khmer rossi.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Il privilegio dell'incontro
Il mestiere del fotoreporter è fatto d'incontri e di relazioni con le persone e con gli ambienti, con il mondo che si conosce e con quello che si trasforma.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Nella foresta degli immortali
Avanza lento tra le fronde degli alberi guidato dal suo mahut in un silenzio quasi liturgico. La foresta li accoglie ed è testimone del loro dialogo muto.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Kaoh Trong, l'isola dei Re
Kaoh Trong: un isola di 10 km appoggiata su un banco di sabbia al centro del Mekong. Due antiche pagode, campi di riso, banani, e pomeli.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Il silenzio che non ho ascoltato
Il silenzio in Cambogia non è solo mancanza di rumore, è molto di più. È una forma di silenzio la cordialità delle persone.
Cambogia| Lab

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)