Icona Sold Out

Laboratorio a Villa Cometti

Laboratorio di Narrazione e Fotografia

Class & Lab  
Dal 10/05
 al 12/05/2019

con Gabriele Orlini e Barbara Silbe

© DooG Reporter

Fare nascere un'idea
Educare lo sguardo nel quotidiano
Trasformare un'idea in racconto fotografico

Icona Sold Out

Laboratorio a Villa Cometti

Laboratorio di Narrazione e Fotografia

Class & Lab  
Dal 10 Maggio 2019
 al 12 Maggio 2019

Raccontare una storia e mettere a fuoco lo sguardo sul quotidiano.
Raccontarlo attraverso i propri occhi, dandogli un corpo, un tempo e un respiro.
Ma come creare una sequenza di immagini coerente con il nostro raccontare?

Perché è nel racconto fotografico che i singoli scatti si caricano di una potenza narrativa che da soli non hanno. Perché le fotografie di un racconto rappresentano l’azione di muoversi nello spazio e nel tempo esercitata dal fotografo”. (cit.)

Un laboratorio dedicato alla creazione e alla ricerca delle idee con carta, penna, e macchina fotografica. Lavorando alla costruzione narrativa di una storia contenuta in un reportage, in un viaggio, oppure anche solo con un ritratto. Trasformare un’idea in una narrazione con esercizi e attività pratiche, educando lo sguardo e la fantasia al fine di raccontare la verità nell’immagine. E non la verità dell’immagine.


Nella splendida cornice di Villa Cometti, antica dimora veneta dell’800 a Spinea (VE), DooG Reporter organizza un Laboratorio di Narrazione in Fotografia a cura del photoreporter Gabriele Orlini e con Barbara Silbe, direttore responsabile di EyesOpen! Magazine

Il Laboratorio ha come obiettivo la creazione e la ricerca delle idee e la costruzione narrativa di una storia, educando lo sguardo al fine di narrare la verità nell’immagine.

Insieme a una sessione di scatto a Venezia, la splendida città lagunare a pochi km da Spinea, i partecipanti saranno coinvolti in un percorso didattico con esercizi pratici di narrazione e fantasia con carta, penna, e macchina fotografica. Lo scopo è fare emergere quella capacità di trarre dalla propria personalità, cultura, esperienze ed educazione le connessioni che risultano fondamentali per riuscire a cogliere quei riferimenti che – una volta presenti nella fotografia – ne danno un senso narrativo e non solo descrittivo.

A ogni partecipante verrà data una traccia da seguire per produrre un racconto fotografico secondo la modalità che più gli appartiene, quali: fotogiornalismo, reportage, narrazione, fino ad approcci più personali.

Agenda

L’agenda ha un margine operativo flessibile e potrà subire variazioni nel corso del weekend, pur mantenendo il fine di permettere a ognuno di vivere l’esperienza del laboratorio e della permanenza in Villa Cometti nel migliore dei modi e di completare il lavoro.

Venerdi 10 maggio
a cura di Gabriele Orlini | Photoreporter

  • Pomeriggio
    • Arrivo in Villa e sistemazione
    • Inizio lavori: Obiettivo del Laboratorio
    • La narrazione in fotografia
    • Raccontare/Immaginare un fotografia leggendo un libro
    • Educare lo sguardo
    • Esercizi di narrativa per “saper vedere e cogliere le cose”
    • Raccontare il “sè”
  • Sera
    • Visione di alcuni lavori di narrazione in fotografia
    • Discussione

Sabato 11 maggio
a cura di Gabriele Orlini | Photoreporter

  • Mattino
    • Preparazione del lavoro che ognuno andrà a fare a Venezia
    • Trasferimento a Venezia
    • Inizio lavori
  • Pomeriggio
    • Rientro in Villa Cometti
  • Sera
    • Discussione

Domenica 12 maggio
a cura di Barbara Silbe | EyesOpen! Magazine

  • Selezione e costruzione delle storie
  • Chiusura del laboratorio

Partecipazione a numero chiuso per un massino di 6 iscritti

Italia
Villa Cometti, Via Roma, 108A, 30038 Spinea VE, Italy
DooG's Founder
2019_Gabriele_Profile
Italia
Documentary Photoreporter
DooG's Expert
Barbara Silbe
Italia
Journalist | Editor




Pronto a candidarti?

Icona Sold Out

Le iscrizioni sono chiuse

storie dal di dentro

L'obiettivo del Move Zanzibar Community Center è ispirare, educare e motivare la gioventù di Jambiani attraverso lo sport
S21, a Phnom Penh, è stato il più importante centro di detenzione e tortura a opera del regime dei khmer rossi.
Ci addentriamo nel cuore di Villa 31. Siamo entrati in un intermondo, dove ti rendi subito conto che lo stato non c’è e la polizia è quasi assente.
La nostalgia permea l’energia del visto, facendo del non visto il protagonista della storia. Siamo sul Riverside di Nong Khai, vestito a festa ma vuoto.

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024