Mekong Notespercorrendo la madre delle acque
Nella nostra inadeguatezza

Nella nostra inadeguatezzaDal taccuino di Fabio Lovati

Il viaggio inizia, è il mio primo giorno a Bangkok, il primissimo nel continente specchio dei miei dubbi. In un salto nell’ignoto mi bagno di nuove esperienze che intrise di un roboante ritmo, non riesco ancora a comprendere, ma cerco freneticamente. 

Col cuore che bussa ad ogni incontro mi muovo nello stretto, tra nuovi odori, sapori e sguardi colmi di una benevole umanità. Già vorrei afferrarli! Ma tutto si muove troppo presto e io sono immobile.

Solo quando la giornata è al termine, stanco di supporre, incomincio a credere che, forse, non occorre cercare fuori lo straordinario, quando l’ordinario se osservato davvero ha di per sé del sorprendente. 

E allora sai che c’è?
Inizio a urlare me stesso in quei vicoli che la Capitale d’Oriente rende sempre bui, mai ciechi, e che bello scoprire che in fondo, l’unica fatica che vale spendere è quella di lasciar accadere le cose, senza paura della nostra inadeguatezza. 

Giorno e Nottedi Gabriele Orlini
Abbandonarsi a Sala Keokudi Gabriele Orlini
Anime d’acquadi Greta Valentina Galimberti
Con scomoda leggerezzadi Gabriele Orlini
Un nostro spazio (nel mondo)di Gabriele Orlini
DooG Reporter