Nella nostra inadeguatezza

Fabio Lovati

... e che bello scoprire che in fondo, l’unica fatica che vale spendere è quella di lasciar accadere le cose, senza paura della nostra inadeguatezza.
Xperience nell' Academy Thai Mekong River Journey
© DooG Reporter
Icona Made in Academy
Xperience in Academy Thai Mekong River Journey

Fabio Lovati

Nella nostra inadeguatezza

Questo articolo è disponibile anche in: English

Il viaggio inizia, è il mio primo giorno a Bangkok, il primissimo nel continente specchio dei miei dubbi. In un salto nell’ignoto mi bagno di nuove esperienze che intrise di un roboante ritmo, non riesco ancora a comprendere, ma cerco freneticamente. 

Col cuore che bussa ad ogni incontro mi muovo nello stretto, tra nuovi odori, sapori e sguardi colmi di una benevole umanità. Già vorrei afferrarli! Ma tutto si muove troppo presto e io sono immobile.

Solo quando la giornata è al termine, stanco di supporre, incomincio a credere che, forse, non occorre cercare fuori lo straordinario, quando l’ordinario se osservato davvero ha di per sé del sorprendente. 

E allora sai che c’è?
Inizio a urlare me stesso in quei vicoli che la Capitale d’Oriente rende sempre bui, mai ciechi, e che bello scoprire che in fondo, l’unica fatica che vale spendere è quella di lasciar accadere le cose, senza paura della nostra inadeguatezza. 

Testo e Foto:  Fabio Lovati
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
Tailandia
Bangkok
DooG's Contributor
Fabio Lovati
Italia
Journalist | Photographer
Un training on the travel per raccontare le cose che accadono sulle rive di uno dei più importanti e affascinanti fiumi del mondo.

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Quando non riesce a farsi capire, i grandi occhi scuri di Michelle diventano ancora più espressivi. Diventano la sua voce, la voce di chi è nato muto.
Ogni loro ruga, così come ogni crepa delle loro case, racconta con delicatezza una moltitudine di solitudini, di vite attese e disattese, rievocando un eros per alcuni deviato, ma in fondo disperatamente vitale.
Charan prese la sua chiave con delicatezza e religiosa attenzione. La guardò, la soppesò tra le dita, si avvicinò a una scatola sopra un ripiano.
Passeggiando per le strade dell'Uganda si incontrano bambine vestite da principesse, fatine, cenerentole. Come mai?

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024