Carmine Rubicco
Una storia sbagliata
Carmine Rubicco

Una storia sbagliata

Una storia vissuta in

Una via semi buia e deserta di una città qualunque durante una notte d’inverno. Un uomo costretto a vivere per strada e a dormire all’addiaccio. Storia di ordinaria solitudine. Una storia sbagliata, sporca, imprecisa, disturbante, poco accattivante, per niente glamour.
Poco accorta alle tendenze attuali che impongono il non vedere, il girare gli occhi per non restare disturbati. Perché a volte l’ignoranza cosciente è molto più facile da sopportare che lo schiaffo di una realtà che può cadere addosso a chiunque.

Un uomo qualunque di mezza età è costretto a nutrirsi di carità e coprirsi grazie agli sprechi altrui. Un essere umano obbligato ad aspettare notte fonda per trovare riparo tra quattro mura che non servono più, lasciate all’incuria e abbandonate a se stesse. Un individuo che per l’ennesima volta si abbandonerà nel silenzio e silenziosamente su un vecchio materasso rabberciato tra lenzuola composte da sacchi di plastica e indumenti dismessi appoggiando la dignità su una sedia rotta.

Di nuovo sogni che sapranno di urina e feci, cibi scaduti e scatolette di tonno aperte, i soli “profumi” conosciuti dalla sua stanza improvvisata. Sogni che forse gli porteranno alla mente momenti migliori e la speranza di un domani diverso, come racconta con un filo di voce. La voce di un uomo che tutti fingono di non vedere, che tutti spingono notte dopo notte con atteggiamenti e sguardi fuggevoli, mani invisibili, in un inferno di solitudine e silenzio.

Non è importante il nome di quest’uomo, non è importante la sua nazionalità, né tantomeno è importante la città in cui tutto questo accade. Succede in ogni quartiere, comune, grande o piccolo che sia, in ogni nazione, in ogni paese. Perché alla fine tutti i luoghi si portano addosso un elemento comune, e non sempre quello migliore. Ma quello che conta è che un pezzo di umanità si sta lentamente consumando nell’indifferenza generale. Ancora una storia sbagliata.

Testo e foto | Carmine Rubicco
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Luogo

Lorenzo, 18 anni, fisico atletico, parlantina pronta e occhi svegli, gestisce un piccolo negozio a Napoli ma vorrebbe giocare a calcio.
Carmine Rubicco
La situazione di quelle famiglie rom che ancora vivono nella Polveriera, e in altri due ghetti di alloggi popolari a Reggio Calabria.
Nella piccola cittadina di Hwange, in Zimbabwe, la figura del sacerdote e del vescovo coincidono nella persona di Mons. Luis Alberto Serrano.
Il Monastero del Cavallo d'Oro sorge sulle colline ammantate dalla nebbia a nord di Chiang Rai, vicino al confine tra la Thailandia e il Myanmar.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Carmine Rubicco ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Carmine Rubicco

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)