Storie in sud america
Martina Marini
Cartoneros de Buenos Aires
Martina Marini

Cartoneros de Buenos Aires

Storie in sud america

Nella Buenos Aires dell’imbrunire, dove nelle case della borghesia iniziano ad accendersi le luci per il rientro dal lavoro, i fornelli iniziano a colorarsi e si respira profumo di empanadas, nelle strade che tendono alla quiete molta gente inizia a lavorare. Sono i Cartoneros che minuziosamente cercano nei rifiuti lasciati dalla ‘società’, una speranza di vita. 

Uomini e donne che fanno fatica a uscire da quella crisi economica che ha colpito l’Argentina nel 2001, ma che con una ferita ancora aperta e con lo sguardo malinconicamente fiero mantengono viva la loro anima e la loro terra. Molti facevano parte della media borghesia argentina che all’indomani della crisi è rimasta senza alcun sostentamento economico ma con una famiglia da mantenere.

Intere famiglie di cartoneros

Ci sono anche i bambini a rovistare nella spazzatura. Famiglie intere che girano per le vie della città, preferibilmente nelle ore notturne a caccia di tutto ciò che è riciclabile e che per loro diventa cibo, sopravvivenza. I più fortunati o più pratici con ferri e arnesi hanno costruito un carretto decente, magari più leggero e in grado di portare più merce, altri si arrangiano con carrelli del supermercato, dove le ruote ribelli e indipendenti rendono il viaggio per le vie di Baires più difficoltoso.

Quando il loro carretto diventa talmente colmo e pesante da renderne difficile anche la spinta, ci si dirige verso il “deposito”, si scarica e magari per qualche minuto termina quel viaggio solitario per la città e si trova il tempo per un mate, una birra o uno “sfottò” tra “colleghi” che sono anche amici. Diffidenti forse all’inizio nel vedere una “straniera” entrare nel loro mondo, ma poco dopo si sono fidati dandomi l’onore di immergermi nel loro quotidiano.

Con la morbidezza di un passo di tango ti avvicini e poi con il passo seguente con fermezza ti allontani nuovamente. Provi a comprendere e a sentire quello che questi uomini vivono ogni giorno. Vedi nei loro sguardi l’attaccamento alla loro terra e la forza silenziosa di restare a galla con dignità. Uomini che riciclano spazzatura, proprio come loro hanno dovuto fare nel riciclare la loro vita, provano a far si che qualcosa cambi e cambi in meglio.

Testo e Foto | Martina Marini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Martina Marini ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Martina Marini
Journalist | Photographer
Autrice

Luogo

Contemporary Issues
Villa 31
Ci addentriamo nel cuore di Villa 31. Siamo entrati in un intermondo, dove ti rendi subito conto che lo stato non c’è e la polizia è quasi assente.
Argentina| Buenos Aires
Portraits
I colori de La Boca
Una mattina di febbraio mi sono immersa nei suoi colori, cercando anche nelle persone che qui vi abitano, le tinte che tanto caratterizzano La Boca.
Argentina| Buenos Aires
Portraits
Mario, una storia italiana
Mario è la quiete in un mondo di velocità, è la pura lealtà nei rapporti in una società di arrivisti, è il saper vivere con dignità.
Italy| Testimonianze

storie e altre storie

Voodoo, a parallel reflection
Andrea Calandra
I ragazzi di Craica
Carmine Rubicco
Ruanda: il paese delle Mille Colline
Marco Barbieri
Pathos
Giorgio Negro
L’inferno di Jharia
Renato Rossetti
Scatole preziose
Gabriele Orlini
Take Care Kids in Thailandia
Joyce Donnarumma
Moet-be-Kier | Uomo di ferro
Gabriele Orlini
storie e altre storie
Ruanda: il paese delle Mille Colline
Marco Barbieri
Voodoo, a parallel reflection
Andrea Calandra
Mganga Woodo
Gabriele Orlini

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)