Cartolare
Block Notes
empanadas
Sebastian, Capital Federal | ©Gabriele Orlini, 2015

L’inizio di ogni ritorno a Buenos Aires

Dal taccuino di Lisa Zillio

Le empanadas a Buenos Aires sono come la farinata a Genova: le trovi dappertutto e all’apparenza sono tutte uguali. Stessa forma, stesso colore, ripieni simili. Ma dopo un po’, presa confidenza, si comincia a capirne le differenze e a eleggere il proprio posto del cuore.

Abbiamo scoperto la cucina di Sebastian quasi per caso. Avevamo deciso di andare a San Telmo, a piedi, da Plaza de Mayo. Una passeggiata piuttosto lunga nella calura estiva di un marzo porteño, ma il fascino della città ha vinto sulla rapidità dei recorridos – gli autobus cittadini. Girare per le vie di Buenos Aires è facile. La città segue una pianta regolare, a quadras – il corrispettivo argentino dei blocks statunitensi – dove le vie formano angoli di 90 gradi e regolari blocchi quadrati.

Lasciando così la vista del balcone dove Evita Peron fece il suo discorso alla nazione, abbiamo preso Bolivar, direzione sud.

Un’altra caratteristica di Buenos Aires è la lunghezza delle sue strade, soprattutto le Avenidas. Si dice che Avenida Rivadavia, con i suoi quasi 25 chilometri, sia una delle strade più lunghe del mondo. Bolivar, la nostra calle, non è così lunga ma si difende bene, attraversando i barrio Monserrat, San Telmo e Barracas. 

Poco prima dell’incrocio Bolivar y Chile – qui le indicazioni si danno indicando l’incrocio – notiamo una scritta colorata ma un po’ sgualcita, con delle decorazioni che rimandano ad alcune stampe della malinconica Buenos Aires che trasuda fumo e tango. 

Giunti ad una vetrina che in un primo momento passa inosservata e certamente testimone di tempi migliori, ora spinti da una decadente curiosità, entriamo. L’ambiente è piccolo e vissuto: qualche sgabello, un bancone, un frigo e un ventaglio di profumate empanadas: carne picada (ovvero macinata), roquerford y queso, verdure, pollo. Le migliori finora mangiate. 

E da quel giorno, un salto da Sebastian segna l’inizio di ogni nostro ritorno a Buenos Aires.

Testo | Lisa Zillio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Co-founder
Mi piace percorrere strade dove la vita s’intreccia con l’arte.
Buenos Aires, immensa, ci costringe a salutare l'infinità del cielo. E con alberi e palazzi disegna un imperfetto orizzonte.
di Joyce Donnarumma
Più che una religione, l’Induismo è un modo di vivere, una filosofia che raccoglie nel suo insieme le regole della società indiana.
di DooG Reporter
Guarda la strada. Un'autostrada senza barriere. Fino a Port Montt, dove di notte ci imbarchiamo per Chaytén.
di Joyce Donnarumma

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)