Cartolare
Block Notes
empanadas
Sebastian, Capital Federal | ©Gabriele Orlini, 2015

L’inizio di ogni ritorno a Buenos Aires

Dal taccuino di Lisa Zillio

Le empanadas a Buenos Aires sono come la farinata a Genova: le trovi dappertutto e all’apparenza sono tutte uguali. Stessa forma, stesso colore, ripieni simili. Ma dopo un po’, presa confidenza, si comincia a capirne le differenze e a eleggere il proprio posto del cuore.

Abbiamo scoperto la cucina di Sebastian quasi per caso. Avevamo deciso di andare a San Telmo, a piedi, da Plaza de Mayo. Una passeggiata piuttosto lunga nella calura estiva di un marzo porteño, ma il fascino della città ha vinto sulla rapidità dei recorridos – gli autobus cittadini. Girare per le vie di Buenos Aires è facile. La città segue una pianta regolare, a quadras – il corrispettivo argentino dei blocks statunitensi – dove le vie formano angoli di 90 gradi e regolari blocchi quadrati.

Lasciando così la vista del balcone dove Evita Peron fece il suo discorso alla nazione, abbiamo preso Bolivar, direzione sud.

Un’altra caratteristica di Buenos Aires è la lunghezza delle sue strade, soprattutto le Avenidas. Si dice che Avenida Rivadavia, con i suoi quasi 25 chilometri, sia una delle strade più lunghe del mondo. Bolivar, la nostra calle, non è così lunga ma si difende bene, attraversando i barrio Monserrat, San Telmo e Barracas. 

Poco prima dell’incrocio Bolivar y Chile – qui le indicazioni si danno indicando l’incrocio – notiamo una scritta colorata ma un po’ sgualcita, con delle decorazioni che rimandano ad alcune stampe della malinconica Buenos Aires che trasuda fumo e tango. 

Giunti ad una vetrina che in un primo momento passa inosservata e certamente testimone di tempi migliori, ora spinti da una decadente curiosità, entriamo. L’ambiente è piccolo e vissuto: qualche sgabello, un bancone, un frigo e un ventaglio di profumate empanadas: carne picada (ovvero macinata), roquerford y queso, verdure, pollo. Le migliori finora mangiate. 

E da quel giorno, un salto da Sebastian segna l’inizio di ogni nostro ritorno a Buenos Aires.

Testo | Lisa Zillio
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email
founder
Mi piace percorrere strade dove la vita s’intreccia con l’arte.
La situazione di quelle famiglie rom che ancora vivono nella Polveriera, e in altri due ghetti di alloggi popolari a Reggio Calabria.
di Carmine Rubicco
In swahili è il medico woodo, ma per tutte le genti della foresta è semplicemente "o curandeiro".
di Gabriele Orlini
di Lisa Zillio
di Gabriele Orlini
di Gabriele Orlini
DooG Reporter