Cerca

Ultime Storie

Lisa Zillio
High Line, malinconica e indisciplinata bellezza
Qual è il segreto della High Line, il parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di squarciare il West Side di Manhattan?
Natascia Aquilano
Le Belle di San Berillo
Un quartiere carcassa, eppure romantico. Un corpo morente tenuto in vita dagli ultimi, dagli “indicibili”: le Belle di San Berillo.
Erica Balduzzi
La scasada del Zenerù
Il 31 gennaio, ad Ardesio, si celebra la “Scasada del Zenerù”: letteralmente la “scacciata di Gennaione”, un grande momento di aggregazione per tutto il paese.

News Racconti

Argomenti

Keep in Touch

Cartolare
Block Notes
Appunti, Note, Scritti, Pensieri
Intervista a Natascia Aquilano
Baobab a Orchha, Madhya Pradesh, India | ©Natascia Aquilano

La nostra unica certezza

Dal taccuino di DooG | Staff

Abbiamo chiesto ai nostri autori e al nostro network di rispondere a tre domande su come stanno affrontando questo difficile momento storico. Ecco qui l’intervista alla fotografa e autrice di DooG Reporter NATASCIA AQUILANO.

C’è una bellezza del mondo, anche banale, che hai riscoperto in questo periodo? 

Vorrei rispondere a questa domanda partendo da ciò che mi piace meno in questo periodo: i fotografi, prima ancora che la fotografia. Vedo tanta ostentazione e poco sentimento. Giusto fotografare e documentare – la fotografia in fondo è storia collettiva – ma il fanatismo fotografico credo lasci il tempo che trova. Anch’io non vedo l’ora di scattare, mi prudono le mani, ma la mia urgenza è più capire cosa voglio raccontare esattamente e come rendere il mio racconto il più sincero possibile. E questo periodo mi sta aiutando. Sono molto concentrata sull’osservazione. Ho riscoperto la bellezza di un quotidiano atemporale che prima chiamavo noia. Ho imparato a rallentare, a godermi la colazione senza guardare l’orologio o peggio ancora il telefono. In ultimo, ma non per importanza, sto imparando a distinguere cosa e chi mi manca davvero da cosa e chi erano semplici abitudini travestiti da bisogni. Oggi più di ieri “siamo casa”. Quella Home che mi piace tradurre con “Ho Me”, perché di questo si tratta, l’unica certezza che abbiamo ora in queste mura, siamo noi stessi. Onestamente spero che questo periodo comunque drammatico finisca presto, siamo animali sociali, io ho bisogno degli altri, della strada, di voci, odori, sguardi, sorrisi, ma allo stesso tempo mi auguro di non perdere le tracce di questa mia riscoperta.

Come credi la tua professione sia cambiata o cambierà?

Sicuramente la fotografia come pratica artistica ha subito un cambiamento, in meglio e in peggio. In molti, impossibilitati a muoversi, hanno sperimentato e continuano a sperimentare la fotografia all’interno della propria casa. Ho visto tanti cimentarsi tra quattro mura e produrre nuove forme estetiche del loro quotidiano. Cose viste tutti i giorni e a cui non si dava minimamente importanza. Questo se vogliamo, da un punto di vista più intimo e personale è interessante, è un allenamento, che può dar vita a nuovi progetti o offrire spunti per un nuovo approccio al proprio lavoro. In generale molti settori della fotografia hanno e stanno subendo tantissimo le conseguenze del Covid-19. Il fotogiornalismo è quello che ancora resiste, ma che nell’insieme, riguarda pochi. Non so dire come la fotografia è cambiata, sta cambiando o cambierà, sicuramente è stata, è, e continuerà ad essere, in qualche modo, una testimonianza del mondo che cambia e non riesco, pur sforzandomi, a immaginare un mondo privo di essa, un mondo senza storia.

Un’immagine, un libro e una canzone che rappresentano per te questo periodo.

Indubbiamente la prima immagine che mi viene in mente pensando a questi giorni è quella di un mondo che, per sconfiggere il male, si MASCHERA per (il) bene. A volte anche troppo! 

Un libro che mi riporta inevitabilmente a questo periodo è La montagna incantata di Thomas Mann. Un testo che parla appunto di isolamento, di un sanatorio, un luogo fuori dal tempo, dove tutto può diventare possibile, di una malattia vista più come una condizione mentale, che fisica e anche di amore, per fortuna!

Un brano musicale ricorrente in questi giorni è Spinning Song di Nick Cave and The Bad Seeds. Una specie di mantra mattutino a cui ormai sono abituata. Io poi vado a periodi, è possibilissimo che domani me ne dimentichi e inizi con una nuova ossessione.

Testo | Natascia Aquilano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Redazione & Staff
Siamo narratori del mondo.
Muoversi è nella nostra natura e raccontare le storie è la nostra scelta di vita.

Lascia un commento

Natascia Aquilano
Storia di un’infanzia rubata
Ploy è una bambina thailandese ospite da più di un anno e mezzo al Take Care Kids Shelder di Pattaya. La piccola ha una storia di quelle che toccano il cuore.
Alida Vanni
La povertà senza freni
Abbiamo incontrato Jorgelina, 65 anni, che dal lunedì al venerdì apre il suo Comedor Micaela alle famiglie più povere del barrio La Boca.
Alida Vanni
Paseador de perros
I Paseador de perros sono giovani ragazze e ragazzi che portano a passeggio più cani contemporaneamente, lungo le vie di Buenos Aires.

La nostra unica certezza

Info e iscrizione

L’invio di questo modulo di iscrizione è da intendersi come “proposta” da parte di chi invia e permette il mantenimento del posto al Training o alla Class. La conferma dell’iscrizione, che vale quale “prenotazione” sarà considerata effettiva solo dopo l’approvazione da parte del professionista che seguirà il Training o la Class e al pagamento della quota prevista.

+39 347 5113829

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)

Newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle ultime Storie, sulle Masterclass e gli Eventi Speciali di DooG Reporter