DooG | Staff

Kompong Cham

A Kampong Cham vive la più numerosa minoranza cambogiana. Sono i Cham e sono di fede musulmana, anche se con influenze induiste.
©Gabriele Orlini, 2017

Questo articolo è disponibile anche in: English

Capoluogo dell’omonima provincia, si trova sulle rive del possente fiume Mekong, a nord-est della capitale Phnom Penh. 
Kompong Cham (o Kampong Cham), letteralmente Porto dei Cham, è un luogo traboccante di storia: non solo vi si trovano alcuni edifici che testimoniano il periodo coloniale francese, ma qui vivono i Cham, la più numerosa minoranza cambogiana, di fede mussulmana. 

I Cham

I Cham sono gli eredi dell’antico regno di Champa, sorto nel VIII secolo lungo le coste meridionali del Vietnam.
La situazione è più complessa di così ma attualmente possiamo identificare tre principali gruppi Cham: i Cham propriamente detti, arrivati qui nel 1471; i Cham Sot, discendenti della famiglia reale e del loro entourage che giunsero in Cambogia nel XVII, e i Cham Chvea, mercanti provenienti da Giava e Sumatra.

I Cham Sot rappresentano il 10% dell’intera popolazione Cham (circa 30.000 persone).
A differenza degli altri gruppi, i Cham Sot pur essendo Sunniti, praticano un islam diverso dagli altri Cham, per influenza dell’induismo. Questo si traduce, tra le altre cose, nel pregare solo al venerdì (e non 5 volte al giorno come vuole l’ortodossia islamica) e nel lasciare volontario il pellegrinaggio alla Mecca.
Inoltre, sono gli unici a usare ancora l’antica lingua Cham

Durante il regime di Pol Pot, i Cham furono duramente perseguitati: il 36% della popolazione Cham morì tra 1975 e il 1979.
I Khmer rossi tentarono di cancellare completamente la loro cultura impedendo loro di parlare la lingua Cham, distruggendo il Corano, obbligandoli a mangiare maiale e disperdendoli in campi di lavoro in tutto il paese. 

Attualmente i Cham sono liberi di praticare la propria religione, anche se la lingua Cham non è ufficialmente usata nelle scuole statali. 

I Cham vestono tutt’ora in modo peculiare: le donne portano lunghe chiome e coprono il capo con il velo mentre gli uomini indossano lo zucchetto e spesso portano lunghe barbe. 

Il villaggio e l’area di Kompong Cham è parte del programma della masterclass Cambogia 2019

Testo originale in Italiano - Traduzione interna
Cambogia
Kampong Cham, Cambogia
DooG's Founder
DooG reporter | Valentino
Redazione & Staff
Un training on the travel per imparare sul campo un mestiere, a cura del fotoreporter Gabriele Orlini.

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Il 31 gennaio, ad Ardesio, si celebra la “Scasada del Zenerù”: letteralmente la “scacciata di Gennaione”.
Storie di alcune giovani voci russe che, da oltre confine, cercano di costruire un'opposizione
Sono passati due anni, ma non è cambiato nulla. Il reportage di Joyce Donnarumma, dal Venezuela
I Nenets sono una popolazione nomade di allevatori di renne che vivono nella penisola di Yamal – Siberia settentrionale.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024