Cambodia NotesLa terra dell'impero Khmer

Kompong ChamDal taccuino di DooG | Staff

©Gabriele Orlini, 2017
©Gabriele Orlini, 2017

Capoluogo dell’omonima provincia, si trova sulle rive del possente fiume Mekong, a nord-est della capitale Phnom Penh. 
Kompong Cham (o Kampong Cham), letteralmente Porto dei Cham, è un luogo traboccante di storia: non solo vi si trovano alcuni edifici che testimoniano il periodo coloniale francese, ma qui vivono i Cham, la più numerosa minoranza cambogiana, di fede mussulmana. 

I Cham

I Cham sono gli eredi dell’antico regno di Champa, sorto nel VIII secolo lungo le coste meridionali del Vietnam.
La situazione è più complessa di così ma attualmente possiamo identificare tre principali gruppi Cham: i Cham propriamente detti, arrivati qui nel 1471; i Cham Sot, discendenti della famiglia reale e del loro entourage che giunsero in Cambogia nel XVII, e i Cham Chvea, mercanti provenienti da Giava e Sumatra.

I Cham Sot rappresentano il 10% dell’intera popolazione Cham (circa 30.000 persone).
A differenza degli altri gruppi, i Cham Sot pur essendo Sunniti, praticano un islam diverso dagli altri Cham, per influenza dell’induismo. Questo si traduce, tra le altre cose, nel pregare solo al venerdì (e non 5 volte al giorno come vuole l’ortodossia islamica) e nel lasciare volontario il pellegrinaggio alla Mecca.
Inoltre, sono gli unici a usare ancora l’antica lingua Cham

Durante il regime di Pol Pot, i Cham furono duramente perseguitati: il 36% della popolazione Cham morì tra 1975 e il 1979.
I Khmer rossi tentarono di cancellare completamente la loro cultura impedendo loro di parlare la lingua Cham, distruggendo il Corano, obbligandoli a mangiare maiale e disperdendoli in campi di lavoro in tutto il paese. 

Attualmente i Cham sono liberi di praticare la propria religione, anche se la lingua Cham non è ufficialmente usata nelle scuole statali. 

I Cham vestono tutt’ora in modo peculiare: le donne portano lunghe chiome e coprono il capo con il velo mentre gli uomini indossano lo zucchetto e spesso portano lunghe barbe. 

Il villaggio e l’area di Kompong Cham è parte del programma della masterclass Cambogia 2019

Un paese vibrantedi Gabriele Orlini
S21 – La collina del mango selvaticodi Gabriele Orlini
Il privilegio dell’incontrodi Gabriele Orlini
Nella foresta degli immortalidi Gabriele Orlini
Kaoh Trong, l’isola dei Redi Gabriele Orlini
Il silenzio che non ho ascoltatodi Gabriele Orlini
DooG Reporter