Marco Barbieri

Ho-Me

Una storia vissuta a Varese, Italy

Ho-Me

di Marco Barbieri

Sono passati poco più di due anni dalla morte di mio padre e inizio solo ora a fare un po’ d’ordine, dentro e fuori di me.
Quando scompare una persona così presente spesso si dice che ha lasciato un grande vuoto.
Invece mio padre è riuscito a riempire tutto quanto, non ha lasciato uno spazio minimo tra i suoi insegnamenti, le sue mancanze, il suo spirito, il suo esempio.

A casa c’è un locale pieno dei suoi attrezzi da lavoro. Accatastati per anni, alcuni sono appoggiati sul bancone in legno, impolverati e disordinati. Altri sono arrugginiti, ammaccati o mal funzionanti. Ma tutti, per qualche strano motivo, sembrano essere utili.

Un giorno, distante da casa e mentre parliamo d’altro, il mio amico Gabriele mi dice “se hai in mano un martello vedrai solo chiodi; se hai un martello e un cacciavite inizierai a vedere chiodi e viti, e così via (…)”

Ecco le parole che non trovavo per descrivere la profonda semplicità dell’insegnamento ricevuto. Ho avuto in eredità degli strumenti preziosi, e sono moltissimi.
Ora devo soltanto usarli.

Sul banco da lavoro ci sono attrezzi per fissare, misurare, decorare, tagliare, pitturare, battere, levigare, abbattere e chissà quante altre prospettive che ancora non riesco a cogliere.

Io, per il momento, li sto riordinando.
E sono sicuro che saranno, in qualche modo, utili.

Testo e Foto | Marco Barbieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

autore
La mia ricerca si concentra principalmente sul rapporto tra uomo e ambiente e al profondo legame di dipendenza, anche culturale, che si crea.

Dove

Per questo lavoro, Marco Barbieri ha impiegato tempo, energie, risorse, a volte anche sue personali.
Questo perchè seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Anche per questa ragione il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Natascia Aquilano
DooG Reporter