Marco Barbieri

Ho-Me

HoMe racconta la storia della perdita di una persona cara attraverso gli attrezzi da lavoro che questa ha lasciato.
Testo e Foto:  Marco Barbieri

Varese, Italy

Sono passati poco più di due anni dalla morte di mio padre e inizio solo ora a fare un po’ d’ordine, dentro e fuori di me.
Quando scompare una persona così presente spesso si dice che ha lasciato un grande vuoto.
Invece mio padre è riuscito a riempire tutto quanto, non ha lasciato uno spazio minimo tra i suoi insegnamenti, le sue mancanze, il suo spirito, il suo esempio.

A casa c’è un locale pieno dei suoi attrezzi da lavoro. Accatastati per anni, alcuni sono appoggiati sul bancone in legno, impolverati e disordinati. Altri sono arrugginiti, ammaccati o mal funzionanti. Ma tutti, per qualche strano motivo, sembrano essere utili.

Un giorno, distante da casa e mentre parliamo d’altro, il mio amico Gabriele mi dice “se hai in mano un martello vedrai solo chiodi; se hai un martello e un cacciavite inizierai a vedere chiodi e viti, e così via (…)”

Ecco le parole che non trovavo per descrivere la profonda semplicità dell’insegnamento ricevuto. Ho avuto in eredità degli strumenti preziosi, e sono moltissimi.
Ora devo soltanto usarli.

Sul banco da lavoro ci sono attrezzi per fissare, misurare, decorare, tagliare, pitturare, battere, levigare, abbattere e chissà quante altre prospettive che ancora non riesco a cogliere.

Io, per il momento, li sto riordinando.
E sono sicuro che saranno, in qualche modo, utili.

GalleryHo-Me
Ruanda: il paese delle Mille Collinedi Marco Barbieri
Lasciarsi meravigliaredi Marco Barbieri
La sacra giungla dei Lahudi Marco Barbieri
Da uomo diventi guerrierodi Marco Barbieri
Sweet Home
di Renato Rossetti
di Eleonora Rettori
DooG Reporter