Cartolare
Block Notes
Appunti, Note, Scritti, Pensieri
Intervista a Rita Sanzi
Le finestre dei miei vicini | ©Rita Sanzi

Raccontare è vicinanza

Dal taccuino di DooG | Staff

Abbiamo chiesto ai nostri autori e al nostro network di rispondere a tre domande su come stanno affrontando questo difficile momento storico. Ecco qui l’intervista a RITA SANZI, giornalista e autrice di DooG Reporter.

C’è una bellezza del mondo, anche banale, che hai riscoperto in questo periodo?

Nei sessanta giorni chiusa in pochi metri quadrati (e in questa manciata di ultimi giorni, fatti finalmente di passeggiate e di caffè d’asporto) io ho riscoperto un tempo e dei pensieri finalmente lenti. Ho riletto quello che ormai avevo dimenticato e recuperato libri in lista da troppo tempo, ho capito con sorpresa che cucinare mi piace, ho scritto di notte e dormito dopo pranzo, ho smesso di programmare e affrettarmi.

Ho riscoperto la capacità che abbiamo di attraversare le cose che succedono, di reinventarci davanti a mutamenti più grandi di noi e dei nostri progetti, di compensare e di colmare mancanze trovando nuovi modi di esserci per chi amiamo.

Come credi la tua professione sia cambiata o cambierà?

Cerco di non chiedermi quello che mi “succederà” come giornalista; le risposte che mi fornisco, di fronte alle mie stesse domande, mi spaventano. Non riesco ancora ad immaginare una maniera nuova di raccontare le vite che non sono la mia. Dare vita a una storia, scrivere un reportage, è vivere accanto a quelli che racconterai nel posto che descriverai. Raccontare è vicinanza. Per adesso voglio pensare, forse illudendomi, che sarà di nuovo possibile un mondo fatto di gente che si incontra senza dover avere paura degli altri.

Un’immagine, un libro e una canzone che rappresentano per te questo periodo.

L’immagine che mi tornerà in mente più spesso, quando penserò a questi momenti, sarà quella delle finestre dei miei vicini: le loro voci e le loro liti, il loro bucato steso, sono stati il mio contatto con il mondo esterno, la consolazione del non essere sola quando le pareti della mia camera mi opprimevano.

I libri che, invece, hanno più lasciato il segno sono stati quelli dell’Antico Testamento, che ho potuto rileggere con l’attenzione che meritano: la nostra impotenza e la nostra caducità di fronte e nella Storia sta tutta lì.

E poi il romanzo Il cielo comincia dal basso di Sonia Serazzi. L’ho letto il giorno del mio compleanno, a tre giorni dall’inizio del lockdown: leggevo e piangevo, immaginandomi con la mia famiglia e di fronte al mio mare che era invece lontano.

Testo | Rita Sanzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Redazione & Staff
Siamo narratori del mondo.
Muoversi è nella nostra natura e raccontare le storie è la nostra scelta di vita.

Lascia un commento

Natascia Aquilano
Storia di un’infanzia rubata
Ploy è una bambina thailandese ospite da più di un anno e mezzo al Take Care Kids Shelder di Pattaya. La piccola ha una storia di quelle che toccano il cuore.
Lisa Zillio
High Line, malinconica e indisciplinata bellezza
Qual è il segreto della High Line, il parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di squarciare il West Side di Manhattan?
Joyce Donnarumma
Rama IX
È il 27 ottobre 2017. È trascorso un anno e il lutto per la scomparsa di sua maestà Rama IX, il re Bhumibol Adulyadej, viene ancora vissuto.
La prima parte dal diario di Vinicio Fosser, un'esperienza piena, vissuta dal di dentro nella città sacra di Varanasi, in India.
India| Lab| Religion
Siamo arrivati a Valparaíso dove siamo ospiti del Colegio San Damian de Molokai. Siamo nella città dei colori, dei sali e scendi e di Pablo Neruda.
Chile| MotoForPeace
Io sono la Patagonia. Amante difficile, essenza del sogno. Elementare forma della vita, immobile spettatrice. Io sono Polvere e Vento.
Argentina| MotoForPeace| Patagonia
A Kampong Cham, letteralmente Porto dei Cham, vive la più numerosa minoranza cambogiana. Sono i Cham e sono di fede musulmana, anche se con influenze induiste.
Cambogia| Lab| Muslim
Una piccola comunità Cham. Pescatori musulmani che vivono ai bordi del Mekong, di fronte lo scintillante Riverside di Phnom Penh.
Cambogia| Lab| Muslim

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)