Una storia vissuta a Namiungo, Tanzania

Mganga Woodo

di Gabriele Orlini

Mganga Woodo, in lingua swahili, indica il medico woodo. Ma per tutte le genti della foresta è semplicemente “o curandeiro” che in portoghese significa “il guaritore”.
(In portoghese con il termine “curandeiro” s’intende anche il ciarlatano)

Figura molto venerata nelle comunità africane sub-sahariane, molto spesso è in forte conflitto con la medicina ufficiale africana o con i ministri dei culto religiosi monoteisti, creando di fatto un forte contrasto sociale, soprattutto per gli appartenenti ai gruppi della popolazione più deboli, poveri, o con scarsa alfabetizzazione.

Tutti hanno timore del guaritore, e ancora oggi molti si affidano a lui per piccoli mali e grandi drammi. Non solo per curare il corpo ma, molto più frequentemente, per riequilibrare gli spiriti contro.

La medicina tradizionale

La profonda fiducia nella medicina tradizionale da parte delle popolazioni meno abbienti è in parte la causa dei suoi elevati costi. Ma per impostazione socio-culturale di gran parte dell’Africa rurale, come pure la facilità nel reperire i prodotti necessari presso i mercati locali, è prassi donare ogni avere e denaro al guaritore anche se questo non sarà in grado di condurre alla guarigione.

Anche se innegabilmente alcune cure tradizionali sembrano avere efficacia contro la malaria, anemia falciforme, ipertensione e alcuni sintomi di AIDS, la maggior parte dei guaritori tradizionali apprendono la propria arte per esperienza diretta, per apprendistato, per sentito dire. E la formazione medica intesa come l’applicazione della conoscenza risulta molto spesso incoerente e incompleta.

Il guaritore tradizionale, nonostante si riconosca in alcune pratiche cruente e senza alcun fondamento medico comprovato, viene considerato un elemento centrale nella cultura africana. Tanto che in alcune aree del continente, specie quelle più interne e di natura rurale, è la figura di riferimento e giudice indiscusso anche nelle questioni socio-politiche e gli viene riconosciuto il potere e l’autorevolezza date degli spiriti dei morti del quale ne è guardiano e portavoce. 

Pratiche cruente

In riferimento a pratiche cruente e inumane, in Tanzania ad esempio, è ancora radicata la convinzione che una persona albina – le sue membra – disponga di magici poteri e di guarigione. Ed è così forte da generare una vera e propria caccia all’uomo allo scopo di vendere al mercato nero il loro sangue, le ossa, organi e ogni parte del suo corpo alimentando di fatto un giro di milioni di dollari.

All’Institute of Traditional Medicine Muhimbili University College of Health Sciences a Dar es Salaam – capitale amministrativa della Tanzania –, è stata affidata la responsabilità di fare ricerca sui sistemi di guarigione tradizionali in Tanzania. Anche per affrontare e cercare di risolvere l’atroce caccia alla popolazione albina e il plagio alle classi deboli.

Nel 2001, l’Unione Africana ha dichiarato il periodo 2001-2010 come Decennio della Medicina Tradizionale Africana.

Testo e Foto | Gabriele Orlini
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

founder, staff
Racconto le storie dei singoli, uomini e donne che insieme formano quel puzzle scomposto chiamato Umanità e a cui tutti, in qualche modo, apparteniamo.

Dove

Gabriele Orlinialtre publicazioni
Il silenzio in Cambogia non è solo mancanza di rumore, è molto di più. È una forma di silenzio la cordialità delle persone.
Il nostro compito – come DooG Reporter – è quello di raccontare le donne e gli uomini di MotoForPeace e quello che faranno in Sud America
Il Racconto nel Reportage: evoluzione del Reportage, dall'idea alla costruzione del racconto, con etica e rispetto della verità nell'immagine.
Da Santiago del Cile a Buenos Aires è un training on the travel di reportage, a cura del fotoreporter Gabriele Orlini.
Gabriele Orlini
ENTIENDO | Una cruzada de paz lungo le rotte del Latino America: il docufilm prodotto da DooG Reporter, basato sulla spedizione di MotoForPeace in Sud America.
E Soeur Maria, austriaca di Kapanga, 80 anni compiuti un giorno per poi perderne il conto, era lì. Lei era sempre lì.
Per questo lavoro, Gabriele Orlini ha impiegato tempo, energie, risorse, a volte anche sue personali.
Questo perchè seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Anche per questa ragione il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Elisa De Pascali

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)