Alida Vanni
Alla ricerca dell'oro
Alida Vanni

Alla ricerca dell’oro

Una storia vissuta a Burkina Faso

L’oro in Burkina Faso è la nuova evanescente speranza per i giovani che emigrano dai villaggi in cerca di un futuro.
In Burkina Faso, letteralmente La Terra degli uomini integri, il 50% della popolazione ha un’età al di sotto dei 14 anni. L’estrazione artigianale dell’oro iniziò già alla fine degli anni ’80, quando le popolazioni rurali locali cominciarono a cercare i depositi d’oro per sopravvivere. Oggi, questa attività continua ancora ma a differenza degli inizi ora si svolge su larga scala.

Ogni mattina decine e decine di persone, tra cui donne e bambini, lavorano intorno all’area della miniera. I giovani che lasciavano i villaggi per coltivare cotone, arachidi, sorgo e riso, hanno iniziato a emigrare per questo nuovo tipo di attività. I minatori si calano nei pozzi con argani alimentati a mano fino a una profondità di oltre 100 metri. Dalla superficie, lungo l’area del foro, una busta di plastica fa da cono e permette loro di respirare sotto terra tramite un ventilatore.

Minatori, Burkina Faso | ©Alida Vanni

I rischi di estrarre l’oro in Burkina Faso

Dispositivi di sicurezza e protezione sono purtroppo ancora sconosciuti. Il lavoro è pericoloso e i minatori non hanno nessun tipo di equipaggiamento adatto a calarsi nel terreno con sicurezza. Inoltre, i pozzi sono fragili e le pareti collassano facilmente. Fuori dalle miniere non passano inosservati i minatori che dormono per terra. Sono ovunque e i loro corpi sono coperti di polvere per essere stati sotto terra dalle 8 alle 12 ore consecutive.

Il guadagno di una giornata non è mai sicuro perché tutto dipende dalla bontà della pietra estratta. Se è buona si può arrivare a racimolare poco più di un euro al giorno. Se non lo è, l’importo cala drasticamente.

Lo scopo di tutti questo? Uno solo: trovare il metallo giallo e sperare che oggi sia il giorno della buona fortuna, così da avere qualche soldo per mangiare e un giorno in più da vivere.

Testo, Foto, Video | Alida Vanni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email

Autore

Staff
Cerco una fotografia per niente assordante, una composizione gradevole, che faccia riflettere senza infastidire l'occhio.

Dove

Dello stesso Autore...

Kaiky, 93 anni, è forse l'ultima testimone dell'atavica cultura Moken, gli ultimi nomadi del mare. Questa è la sua storia.
Questa è la storia delle makorelle: così vengono chiamate le prostitute a Nosy Be. Anche se in quest'isola la parola prostituta non esiste.
Sull'isola di Koh Phayam, vive un gruppo di monaci buddisti, una trentina di anime conosciute come i monaci del mare.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Alida Vanni ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Carmine Rubicco

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)