Joyce Donnarumma

#02 | Vuelvo al Sur

Siamo a Valparaíso, il nostro punto di partenza. Siamo arrivati, davanti a noi si apre la strada.
Joyce | ©Gabriele Orlini, 2020

Joyce Donnarumma

#02 | Vuelvo al Sur

Questo articolo è disponibile anche in: English

Valparaíso, 31 gennaio 2020

Posso chiamarti? Potrebbe essere importante!

Inizia tutto con una telefonata, si libera un posto per un viaggio, il Viaggio. Hai sei giorni per organizzarlo, lo sogni da una vita. Sudamerica, si parte mercoledì. E come dire no a due mesi on the road? Invio la copia del passaporto. Ormai non si torna più indietro. 

L’avventura inizia ancor prima di lasciare la propria terra, perché lasciare il mio sud è sempre un’avventura. Mi ritrovo a macinare i primi chilometri con compagni di fortuna. Elvira, 74 anni e un polipo congelato di 3 chili e mezzo nella borsa, chiacchiera così tanto che le tre ore in treno volano. Amin, 27 anni tunisino, la notte a Roma in aeroporto scorre tra risate e caffè. A Parigi l’incontro con il gruppo, l’imbarco all’ultimo minuto. Sono calma, felice e anche un po’ spaventata. Tra 12 ore sarò oltre oceano e da lì in poi ci saranno infinite altre storie.

Apro gli occhi, l’aereo vola da 13 ore, la notte sta schiarendo e un sole capovolto si affaccia dalle nubi. La cordigliera innevata ci scorre sotto, sembra quasi di poterla toccare a 30.000 piedi da terra. Siamo in Cile, la nostra prima tappa. L’atterraggio è veloce, forse troppo, mi gira la testa e non solo per l’emozione.

L’odore in terra latina è come lo immaginavo. Siamo arrivati, davanti a noi si apre la strada.

Testo:  Joyce Donnarumma
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
Cile
Valparaiso, Cile
Joyce Donnarumma
DooG's Autore
Photographer
La missione umanitaria della Onlus MotoForPeace in Sud America nel 2020, attraverso Cile, Argentina, Paraguay, Bolivia e Perù.

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Questa è la storia di Jovanka, madre di Goran, paracadutista serbo morto nel 1999, in Kosovo, colpito durante un bombardamento della NATO.
Nel villaggio galleggiante di Kampong Chhnang, in Cambogia, le case sono barche adagiate su un tratto del fiume Tonle Sap
Tessere un sari con trame broccate in seta, unicamente a mano, oggi più che mai equivale a tessere un sogno, sinonimo di cultura e identità.
La nostalgia permea l’energia del visto, facendo del non visto il protagonista della storia. Siamo sul Riverside di Nong Khai, vestito a festa ma vuoto.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2023