Speciale
Motoforpeace
Sud America 2020 | Anonimi della fede
Valparaíso street
Valparaíso, Chile | ©Gabriele Orlini, 2020

#01 | E che il viaggio abbia inizio

Dal taccuino di Lisa Zillio

Valparaíso, 30 gennaio 2020

Siamo partiti. L’appuntamento con una parte del gruppo era al gate di Fiumicino per l’imbarco. Molti di noi già si conoscevano, per altri è stata la prima volta. Un abbraccio, una stretta di mano, un sorriso: questi saranno alcuni dei compagni di viaggio con cui percorreremo ogni chilometro della missione. I restanti li incontreremo tra Parigi (dove faremo scalo) e Santiago del Cile. 

Eccitazione, voglia di arrivare e di ripartire con le moto lungo una strada che tutti abbiamo sentito nominare, ma pochi hanno percorso. Ed è un itinerario pazzesco quello che ci aspetta! Si scherza, si stempera la noia di un volo molto lungo – e piuttosto scomodo – con qualche battuta, un film, la condivisione di alcuni ricordi della scorsa missione in Africa. Siamo tutti elettrici, scalpitanti, e vorremmo già essere lì, sulla strada.

Prima di partire abbiamo avuto conferma che le moto (e i furgoni) non arriveranno mai a San Antonio – il porto in cui, secondo accordi, avremmo dovuto recuperarli. La nave si è rotta qualche giorno fa dalle parti di Valparaíso, a circa 100 chilometri verso nord, e lì ha deciso di rimanere. Con un transfer organizzato al volo, siamo ospiti del Colegio San Damian de Molokai, a Valparaíso, la città dei colori, dei sali e scendi, di Pablo Neruda (qui, c’è una delle sue tre case, La Sebastiana, chiamata così dal poeta cileno in onore del suo primo proprietario e costruttore).

Durante il tragitto, prima in treno e poi in aereo, mi sono fermata a guardare le nuvole dal finestrino. Accade ogni volta che inizio un viaggio, e ogni volta nella loro forma ritrovo le impronte della strada da percorrere. Queste qui sanno di sale e di vento e so che mi faranno compagnia per i prossimi due mesi. 

Per me è la prima missione sul campo (quella del 2018 in Africa l’ho vissuta di riflesso, nei frame del montaggio del documentario). Abbiamo un lavoro importante da portare a casa, l’emozione (e la responsabilità) è grande ma ancora di più lo è questa sensazione di libertà di essere qui, tra i colori e gli scalini di Valparaíso.

Testo | Lisa Zillio
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email
Lisa Zillio Profilo
founder, staff
Mi piace percorrere strade dove la vita s’intreccia con l’arte.
Docufilm
Trip Live
La quinta – e ultima – short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
di DooG | Staff
Il coronavirus aveva per la prima volta toccato e scalfito anche il nostro obiettivo: concludere la missione e fare fede all'impegno preso
di Gabriele Orlini
La Cordigliera ci sfida e noi pronti ad affrontarla iniziamo a salire. Arriviamo a 4000 metri. Le vette riempiono gli occhi di mille colori.
di Joyce Donnarumma
La quarta short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America. Siamo in Argentina.
di DooG | Staff

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)