Una storia vissuta a Nosy Be, Madagascar

Makorelle a Nosy Be

di Alida Vanni

Anche il Madagascar non sfugge alla prostituzione e al suo mercato che coinvolge perfino ragazzine di dodici o tredici anni. Ma quel che spesso accade su quest’isola circondata dall’oceano Indiano con spiagge bianche e mare cristallino va un po’ oltre il rapporto occasionale. 

Qui infatti, con il tacito benestare della società locale, ha preso piede quello che si potrebbe definire – azzardando nei termini – un fidanzamento d’interesse. Questa è la storia delle makorelle: così vengono chiamate le prostitute a Nosy Be. Anche se in quest’isola la parola prostituta non esiste.

Le ragazze, di diversa età, vivono in modeste capanne di paglia. Il denaro non è mai sufficiente per permettersi una casa più dignitosa o poter mantenere la propria famiglia allargata. Le makorelle hanno più di un amante, spesso all’insaputa del loro “fidanzato” bianco.

Fatima mi racconta un trucco per non farsi scoprire. Usa delle scatoline per conservare i gioielli, ognuna contrassegnata dal nome dell’amante, in modo da non confondersi quando deve indossarli. 

Mary si confida: ha un figlio, avuto da un uomo svizzero. E ancora oggi spera, come promesso, di essere portata in Europa.

Anche i giovani uomini si offrono alle donne bianche. Loro sono i Jobil, ragazzi spesso fidanzati con donne malgasce che acconsentono senza battere ciglio. Storie di vera e propria libertà sessuale.

Testo e Foto | Alida Vanni
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email

Autore

Alida Vanni
autore, staff
Cerco una fotografia per niente assordante, una composizione gradevole, che faccia riflettere senza infastidire l’occhio.

Dove

Sull'isola di Koh Phayam, vive un gruppo di monaci buddisti, una trentina di anime conosciute come i monaci del mare.
Ogni trent’anni nei boschi sacri della Casamance (Senegal), centinaia di giovani diola diventano uomini attraverso l’iniziazione del Boukout.
Arrivare in Perù significa viaggiare nel tempo e riscoprire le tracce ancestrali degli Incas, dei Chancas, dei Chachapoya, dei Mochicas e dei Wari.

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Alida Vanni ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro. Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.

storie e altre storie

Gabriele Orlini
Carmine Rubicco

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)