Cartolare
Block Notes
Barbara SIlbe
Boschi dell'Alto Adige | ©Barbara Silbe

Il tempo lento

Dal taccuino di Barbara Silbe

Abbiamo chiesto ai nostri autori e al nostro network di rispondere a tre domande su come stanno affrontando questo difficile momento storico. Ecco qui le risposte di BARBARA SILBE, giornalista, fotografa, photo editor e direttore responsabile della rivista di cultura fotografica EyesOpen! Magazine.

C’è una bellezza del mondo, anche banale, che hai riscoperto in questo periodo? 

Il tempo lento e con la mia famiglia è stata la cosa più preziosa di queste settimane, così come il non dover correre appresso a orari e scadenze quotidiane, che mi ha permesso di riordinare sia le mie idee che la casa. Diciamo che ho fatto del mio meglio per non subire troppo la situazione e la chiusura, ma di avere parte attiva in ogni giornata senza lamentarmi. Fare comunque attività fisica e attività mentale è stato il mio antidoto. Non ho nessun amico o parente malato, quindi mi ritengo una persona fortunata. E dovremmo tutti apprezzare il fatto che questa pausa forzata abbia generato aria e ambiente più puliti. Chissà che questo non faccia pensare e agire diversamente tutti quanti quando si riprenderà a correre.

Come credi la tua professione sia cambiata o cambierà?

La mia professione ha diverse ramificazioni. L’aspetto giornalistico è quello che mi preoccupa maggiormente, l’editoria subiva già un decennio di crisi importante, questo periodo è stato il colpo di grazia. Se è vero che tutti abbiamo cercato più di prima di informarci su quanto accadeva, anche accedendo ai siti dei quotidiani e dei magazine di informazione, è anche innegabile che non potendo uscire molte persone non hanno acquistato questa informazione. Inoltre le aziende sono chiuse, e non sono in questo momento disponibili a pagare pagine pubblicitarie, che sono il vero sostegno di ogni testata. Quindi, se il picco di accessi ai siti è decisamente aumentato, questo non si traduce in vendite e in moneta da destinare alle future produzioni. Spero che qualcosa accada e spero che la gente comprenda l’importanza di sostenere tutta l’editoria, giornali, riviste e libri sono un veicolo di verità e cultura, leggere apre la mente e non bisogna dimenticarlo. Per quanto riguarda il mio lavoro di docente e curatore, posso dire invece di aver scoperto che si può confrontarsi con i fotografi anche grazie alle molte piattaforme di condivisione video, sopperendo i mancati incontri e potendo continuare a lavorare insieme.  

Un’immagine, un libro e una canzone che rappresentano per te questo periodo.

L’immagine te la allego: sono i miei amati boschi dell’Alto Adige, dove spero di poter tornare presto. Sono la cosa che mi è mancata di più.

Libri: ne ho letti diversi in questo periodo. Ho ripreso La Peste di Albert Camus, poi ho letto La Fotografia di Penelope Lively, La mia fotografia di Grazia Neri (comprato tempo fa e mai aperto). Ora ho tra le mani Archivio e Camera Oscura di Walter Benjamin e Gersliom Scholem, un carteggio interessante tra due studiosi di livello altissimo. 

Canzone: Sorridere sempre di Renato Zero. Da ascoltare e assumere come filosofia di vita.

Testo | Barbara Silbe
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on reddit
Share on email
Barbara Silbe
expert, network
Scrivo, fotografo, mi occupo di comunicazione, e sono una viaggiatrice.
Andrea Calandra
Erica Balduzzi
La Ruta 40 non perdona. La Ruta 40 la percorri piano, quasi chiedendo il permesso, e speri che lo sguardo del Gauchito Gil sia sempre con te.
di Lisa Zillio
Il fotoreporter ha fame. Ed è qui che arriva la sinestesia. Il fotoreporter conosce già il prezzo della prossima storia che andrà a raccontare.
di Gabriele Orlini
La quarta short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America. Siamo in Argentina.
di DooG Reporter

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)