Speciale
Cambogia
Masterclass in reportage
©Gabriele Orlini, 2017
©Gabriele Orlini, 2017

Kompong Cham

Dal taccuino di DooG | Staff

Capoluogo dell’omonima provincia, si trova sulle rive del possente fiume Mekong, a nord-est della capitale Phnom Penh. 
Kompong Cham (o Kampong Cham), letteralmente Porto dei Cham, è un luogo traboccante di storia: non solo vi si trovano alcuni edifici che testimoniano il periodo coloniale francese, ma qui vivono i Cham, la più numerosa minoranza cambogiana, di fede mussulmana. 

I Cham

I Cham sono gli eredi dell’antico regno di Champa, sorto nel VIII secolo lungo le coste meridionali del Vietnam.
La situazione è più complessa di così ma attualmente possiamo identificare tre principali gruppi Cham: i Cham propriamente detti, arrivati qui nel 1471; i Cham Sot, discendenti della famiglia reale e del loro entourage che giunsero in Cambogia nel XVII, e i Cham Chvea, mercanti provenienti da Giava e Sumatra.

I Cham Sot rappresentano il 10% dell’intera popolazione Cham (circa 30.000 persone).
A differenza degli altri gruppi, i Cham Sot pur essendo Sunniti, praticano un islam diverso dagli altri Cham, per influenza dell’induismo. Questo si traduce, tra le altre cose, nel pregare solo al venerdì (e non 5 volte al giorno come vuole l’ortodossia islamica) e nel lasciare volontario il pellegrinaggio alla Mecca.
Inoltre, sono gli unici a usare ancora l’antica lingua Cham

Durante il regime di Pol Pot, i Cham furono duramente perseguitati: il 36% della popolazione Cham morì tra 1975 e il 1979.
I Khmer rossi tentarono di cancellare completamente la loro cultura impedendo loro di parlare la lingua Cham, distruggendo il Corano, obbligandoli a mangiare maiale e disperdendoli in campi di lavoro in tutto il paese. 

Attualmente i Cham sono liberi di praticare la propria religione, anche se la lingua Cham non è ufficialmente usata nelle scuole statali. 

I Cham vestono tutt’ora in modo peculiare: le donne portano lunghe chiome e coprono il capo con il velo mentre gli uomini indossano lo zucchetto e spesso portano lunghe barbe. 

Il villaggio e l’area di Kompong Cham è parte del programma della masterclass Cambogia 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Redazione & Staff
Siamo narratori del mondo.
Muoversi è nella nostra natura e raccontare le storie è la nostra scelta di vita.
Cambogia Notes
Un paese vibrante
Cambogia, il paese dove se guardi una persona un secondo di troppo questa ti sorride. E questo è sufficiente per sentirsi in pace con questo luogo.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
S21 - La collina del mango selvatico
S21, una volta Scuola Superiore Tuol Sleg a Phnom Penh, è stato il più importante centro di detenzione e tortura ad opera del regime dei khmer rossi.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Il privilegio dell'incontro
Il mestiere del fotoreporter è fatto d'incontri e di relazioni con le persone e con gli ambienti, con il mondo che si conosce e con quello che si trasforma.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Nella foresta degli immortali
Avanza lento tra le fronde degli alberi guidato dal suo mahut in un silenzio quasi liturgico. La foresta li accoglie ed è testimone del loro dialogo muto.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Kaoh Trong, l'isola dei Re
Kaoh Trong: un isola di 10 km appoggiata su un banco di sabbia al centro del Mekong. Due antiche pagode, campi di riso, banani, e pomeli.
Cambogia| Lab
Cambogia Notes
Il silenzio che non ho ascoltato
Il silenzio in Cambogia non è solo mancanza di rumore, è molto di più. È una forma di silenzio la cordialità delle persone.
Cambogia| Lab

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)