Pathos

Giorgio Negro

Queste fotografie sono frammenti di un viaggio intimo e personale e rappresentano la visione dell’autore di fronte alle ambiguità e ai contrasti del continente latinoamericano.
Stories
Coesistenza
PATHOS | Giorgio Negro ©2019

Giorgio Negro

Pathos

America Centrale

Questo articolo è disponibile anche in: English

Premio Italy Photo Award 2019
Opera vincitrice categoria “Miglior Portfolio”

Il progetto è composto da cinquantanove immagini scattate per 15 anni in 5 paesi dell’America Latina (Messico, Cuba, Brasile, Perù ed Ecuador). Circa l’80% in analogico, il resto in digitale. Le fotografie sono frammenti di un viaggio intimo e personale e rappresentano la visione dell’autore di fronte alle ambiguità e ai contrasti del continente latinoamericano.

Questa visione è fortemente influenzata dal suo background professionale: attivo da oltre 20 anni come delegato del Comitato Internazionale della Croce Rossa, ha lavorato in molti paesi in situazioni di guerra o conflitti armati, confrontandosi quotidianamente con violenza, la crudeltà umana e le sue conseguenze. Un lungo viaggio attraverso le strade del Centro e Sud America che diventano riflessione, palcoscenico e incanto nella rappresentazione dell’immensa forza della vita. Persone, animali e demoni popolano queste terre in continua lotta, tra la vita e la morte, tra il carnale e il divino, l’estasi e l’urlo.

Tutto questo è negli scatti di Giorgio Negro e come spesso accade il volto del fotografo si trova nelle sue immagini.

.

BIOGRAFIA

Giorgio Negro nasce a Torino il 7 settembre 1959, da padre italiano e madre svizzera. Trascorre infanzia e giovinezza nel tranquillo ambiente della provincia italiana, a Susa (TO). Nel 1986 ottiene la laurea in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Torino e subito dopo si trasferisce a Locarno, in Svizzera, dove lavorerà per 10 anni in una piccola ditta di automazione industriale. Nel 1995 lascia per sempre la sua professione e inizia a lavorare come Delegato per il Comité Internazionale della Croce Rossa (CICR). Viene inviato in missione in molte parti del mondo per svolgere attività umanitarie in zone di guerra: Cecenia, Colombia, Peru, Ciad, Sudan, Israele, Libia, Irak e altri paesi ancora.

Nel 2005, Giorgio incontra Ernesto Bazan, il famoso fotografo italiano, che gli farà scoprire la fotografia in bianco e nero e che diventerà suo amico e mentore. È l’inizio di una grande passione e di un viaggio magico attraverso il mondo della fotografia umanista. Nel poco tempo libero che il suo lavoro gli concede, Giorgio comincia a fotografare in America Latina, solo o durante dei workshops con Ernesto Bazan e Dario De Dominicis.

Nel 2008, la rivista francese Réponses Photo pubblica una selezione di immagini tratte dalla prima fase del suo progetto sull’America Latina. Fra il 2013 ed il 2017, Giorgio partecipa a un progetto foto-video insieme al fotografo Dario De Dominicis e alla regista cubana-brasiliana Margarita Hernandez, centrato sulla religione cattolica nel nordest del Brasile e sul ruolo della fotografia nell’immaginario popolare. Le immagini di questo progetto sono state esposte a Roma (Officine Fotografiche) e a Rio De Janeiro (Centro Cultural da Justiça Federal). Un documentario su questo progetto vedrà la luce nel 2020, per la Globo Film do Brasil.

Nel 2019, il progetto viene portato a termine e pubblicato come libro dal titolo Pathos, per la Bazan Photo Publishing.


.

Italy Photo Award

Premio per la valorizzazione e diffusione
della cultura fotografica italiana

Il 15 Dicembre 2019 ha avuto luogo l’evento conclusivo dell’anno: la presentazione dei progetti finalisti selezionati nelle Letture Portfolio ospitate nelle varie tappe da alcuni tra i più grandi Festival fotografici italiani e la premiazione dei vincitori della V Edizione dell’ITALY PHOTO AWARD

Italy Photo Award, fondato da Cecilia Pratizzoli e nato per la valorizzazione e diffusione della cultura fotografica italiana, è oggi tra le più importanti realtà fotografiche nazionali. Grazie alla collaborazione con i più grandi festival italiani ospitanti le Letture Portfolio e con i migliori professionisti di settore, offre ai giovani autori un’opportunità unica di visibilità e di crescita professionale.

All’edizione 2019 hanno concorso oltre 20 mila immagini, inviate da fotografi professionisti provenienti da tutta Italia. Il Premio si propone di essere un’occasione di formazione e di crescita per nuovi autori oltre che un’iniziativa artistica e culturale di rilievo per il nostro Paese. Nel corso dell’evento, svoltosi il 15 Dicembre 2019, presso il Museo MACRO di Roma, ha avuto luogo la presentazione dei progetti finalisti e la nomina dei vincitori assoluti, rispettivamente nella categoria “Miglior Portfolio” e “Giovane Talento” che si sono così aggiudicati il Premio ITALY PHOTO AWARD 2019.

Testo:  Italy Photo Award
Foto:  Giorgio Negro
Testo originale in Italiano - Traduzione interna
Brasile
America Centrale
DooG's Network
Logo Italy Photo Awards
Italia
Festival

© Portfolio - Pathos

Immagini e Parole

La curiosità è cultura

Isolation è il primo libro di un progetto a lungo termine che vuole indagare il senso stretto della parola Isola attraverso uno sguardo fotografico.
Un'alzàia mi ha trascinato in un mondo ancora sospeso tra un fascinoso passato e un incerto futuro: il mondo dei Moken, gli ultimi nomadi del mare.
Varanasi, la città sacra dell’India, si rivela porta del paradiso per molti ma un inferno in terra per queste vedove.
Il Monastero del Cavallo d'Oro sorge sulle colline ammantate dalla nebbia a nord di Chiang Rai, vicino al confine tra la Thailandia e il Myanmar.

Sostieni un giornalismo indipendente

DooG Reporter | Stories to share

Tutti i diritti riservati ©2024