Storie in africa
Gabriele Orlini
Le Merveille
Gabriele Orlini

Le Merveille

Storie in africa

“La disabilità mentale è uno svantaggio per l’individuo e si manifesta con la riduzione delle sue facoltà intellettuali derivanti da: una anomalia cromosomica genetica, un incidente, come conseguenza di una grave malattia, etc.
Esso è in grado di vivere con gli altri a condizione che si tenga conto del suo ritmo personale che presuppone mezzi specializzati per la sua educazione, il suo alloggio, il suo lavoro, ….”​

Cartello nel Centre de Santé Le Merveille

L’appuntamento è al distributore di benzina della Total, posto sulla grande rotatoria tra Avenue Lumumba e la Sinagoga.
Come nelle migliori tradizioni dei luoghi impossibili, questo è anche il luogo dove sostano taxi, pullman, furgoni, carriole. In pratica qualsiasi cosa in grado di trasportare cose e persone.
Ancora oggi, dopo tanti luoghi visti, mi chiedo come sia possibile che dal Sud America all’Asia passando per l’Africa, questi luoghi siano tutti uguali: migliaia di piccoli mezzi colorati e stridenti di voci incomprensibili ti portano, stipati con precisione chirurgica, in ogni luogo della città e della provincia.
E ogni volta passi il tempo nel chiederti se il mezzo preso sia quello giusto.

Lubumbashi (originariamente: Elisabethville, ai tempi di Re Leopoldo) è la terza città della Rep. Dem. del Congo e conta poco più di 1,2 milioni di abitanti. Nella prima metà del 1900 i belgi iniziarono a sfruttarla per le sue ricche miniere di rame, mentre ora, negli anni 2000, ci pensano i cinesi.

Sono le 7 di mattina e fa già caldo. Ho appuntamento con Pier che si è prestato ad accompagnarmi a Kalombo, sobborgo della città, per incontrare Madame Celine e i ragazzi a cui dà riparo e istruzione all’interno del suo centro sanitario.
Sono molte le strutture sanitarie private a Lubumbashi, anche se sono molto diverse dal nostro immaginario occidentale di sanità. Si tratta per lo più di piccole costruzioni con l’intonaco bianco e una croce sui muri. Mentre per l’interno si fa quel che si può…

Madame Celine e il centro sanitario Le Merveille

Nato dall’idea e dallo straordinario entusiasmo di una donna eccezionale – Madame Celine – e da suo marito, il centro sanitario Le Merveille si è posto l’oneroso impegno di prendersi cura dei ragazzi con disturbi cognitivi genetici o, molto più frequentemente, ragazzi con disabilità mentale a seguito di una diagnosi tardiva della Drepanocitosi, malattia emolitica a carattere ereditario ma anche conseguenza della malaria curata male o troppo tardi.

Madame Celine, a seguito della morte della loro giovane e unica figlia affetta da Drepanocitosi per mancanza di informazione medica, cure adeguate e strutture competenti, decise di aprire, con l’aiuto del marito, un centro sanitario ai bordi della città per la prima diagnosi e le cure basiche per questa terribile malattia. Dopo una prima attività di pura diagnosi della Drepanocitosi, decisero di aprire un centro di formazione e istruzione per ragazzi e ragazze con problemi cognitivi causati dalla malattia.

Nel 2012 il Centre de Santè Le Merveille risultava l’unica realtà privata e gratuita nella Provincia di Katanga in grado di offrire una valida alternativa ai ragazzi con problemi cognitivi, al fine di rendere sostenibile e autosifficiente la loro vita nella società.

Le Merveille fornisce attività di istruzione e formazione diurna a una trentina di bambini e ragazzi di ogni età che vivono soli, molto spesso abbandonati dalle proprie famiglie al manifestarsi dei primi segni della malattia. In una condizione sociale già complessa e molte volte al limite della sopravvivenza, la gestione e la cura di una persona con disabilità mentale da parte dei parenti è semplicemente un atto non sostenibile e soggetto a una selezione naturale.

Straordinarie giornate, troppo brevi

Con Madame Celine a Le Merveille ho trascorso una settimana straordinaria e troppo breve, partecipando alle loro attività e lezioni, dialogando con i ragazzi e pure con modi molto creativi.
Sono ragazzi con disabilità a volte gravi, altre volte meno; e nei modi e nei tempi che il loro personale mondo permette, hanno desideri da esprimere, progetti da realizzare.
Alcuni ci riusciranno. Altri no.
Alcuni forti, testardi, incoscienti.
Altri troppo deboli o troppo timidi o troppo sfortunati.
O solo perché il mondo, ancora, non ha smesso di metterli alla prova o di prendersi gioco di loro.

Testo e Foto | Gabriele Orlini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email

Ti è piaciuta questa storia?

Per raccontarla, Gabriele Orlini ha impiegato tempo, energie, risorse.
Perché, seguendo quanto è scritto nel Codice Etico di DooG Reporter, una Storia per noi non può essere raccontata se non la si è vissuta. E questo ha un costo, sia in termini di tempo che di denaro.
Il tuo contributo, grande o piccolo che sia, ci aiuta a continuare questa narrazione del mondo fatta di prima mano, a mantenerla libera da condizionamenti e accessibile a tutti.
Profile: Gabriele Orlini
Documentary Photoreporter
Co-founder

Luogo

Portraits
Storie Minime
Sono la tappa di un percorso, di un incontro con gli uomini che respirano il vento della terra situata alla fine del mondo.
Argentina| Patagonia
Contemporary Issues
Soeur Maria non aveva un’età
E Soeur Maria, austriaca di Kapanga, 80 anni compiuti un giorno per poi perderne il conto, era lì. Lei era sempre lì.
Children| RD Congo
Environment
Scatole preziose
Charan prese la sua chiave con delicatezza e religiosa attenzione. La guardò, la soppesò tra le dita, si avvicinò a una scatola sopra un ripiano.
Bangladesh| Children
Contemporary Issues
Moet-be-Kier | Uomo di ferro
Come ogni altra cosa in Africa anche il Tempo inizia e finisce sempre e solo con un evento e il mio tempo con loro aveva un nome.
Cameroun| Hunting
Environment
Con le mani nel fango
Pesci bianchi, nati per muoversi nel fango buio della foresta. Pesci bianchi, viscidi e sfuggenti, che diventavano neri appena tolti dalla terra.
Cameroun| Fishing

storie e altre storie

Vaccinazione contro il virus H1N1
Gaetano Fornelli
Mganga Woodo
Gabriele Orlini
Poesia d'argilla
Alida Vanni
Le Belle di San Berillo
Natascia Aquilano
Hola Sergio
Eleonora Rettori
Jovanka
Rita Sanzi
Da uomo diventi guerriero
Marco Barbieri
I ragazzi di Craica
Carmine Rubicco
storie e altre storie
I monaci sul mare
Alida Vanni
Isolation
Alessandro Scattolini
Voodoo, a parallel reflection
Andrea Calandra

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)