Cartolare
Block Notes
Adaman Sea, Thailand | Gabriele Orlini, ©2017
Adaman Sea, Thailand | Gabriele Orlini, ©2017

Delle corrispondenze in fotografia

Dal taccuino di Lisa Zillio

La sinestesia, per uno scrittore, è quella figura retorica che gli permette di “associare in un’unica immagine due parole o due segmenti discorsivi riferiti a sfere sensoriali diverse.
(tratto dalla definizione dell’Enciclopedia Treccani)

Un esempio?
Fabrizio De Andrè cantava “corsi a vedere il colore del vento“, ne Il sogno di Maria.

La sinestesia serve quindi a creare corrispondenze: tra sensi, tra pensieri, tra mezzi di espressione.

In fotografia, la sinestesia permette all’autore di comunicare con il pubblico a diversi livelli. Fa leva sul substrato personale di ognuno di noi, quel famoso background che ci caratterizza come persone. Dai libri che leggiamo, alla musica che ascoltiamo, ai profumi che sappiamo riconoscere e che magari generano in noi un’emozione precisa o un ricordo ben definito.

Creare correlazioni è uno dei piaceri, e dei doveri, del fotografo. Sono relazioni più libere rispetto a quelle della scrittura. Difficilmente controllabili in toto dall’autore, nascono nella nostra pancia e per crescere hanno bisogno di noi. Davanti a una fotografia ci si mette in gioco, completamente. Si resta impigliati in connessioni che neanche ci si immaginava per poi uscirne con una consapevolezza nuova.

Ogni fotografia è un tassello, un impegno a evolvere. Ma solo se vogliamo prenderci questa responsabilità. Se non ci mettiamo in gioco, se non seguiamo le sinestesie che contiene, sarà solo un’altra immagine nel panorama già troppo affollato di questi tempi.

Testo | Lisa Zillio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Co-founder
Mi piace percorrere strade dove la vita s'intreccia con l'arte.
Rita Sanzi
Il fotoreporter ha fame. Ed è qui che arriva la sinestesia. Il fotoreporter conosce già il prezzo della prossima storia che andrà a raccontare.
di Gabriele Orlini
La quinta – e ultima – short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
di DooG Reporter
S21, una volta Scuola Superiore Tuol Sleg a Phnom Penh, è stato il più importante centro di detenzione e tortura ad opera del regime dei khmer rossi.
di Gabriele Orlini

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)