Cerca

Ultime Storie

Renato Rossetti
L’inferno di Jharia
Jharia è un immenso buco dai terreni pericolanti, dove una moltitudine umana lavora nell'industria dell'estrazione del carbone.
Lisa Zillio
High Line, malinconica e indisciplinata bellezza
Qual è il segreto della High Line, il parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di squarciare il West Side di Manhattan?
Natascia Aquilano
Le Belle di San Berillo
Ogni loro ruga, così come ogni crepa delle loro case, racconta con delicatezza una moltitudine di solitudini, di vite attese e disattese, rievocando un eros per alcuni deviato, ma in fondo disperatamente vitale.

News Racconti

Argomenti

Keep in Touch

Speciale
Cambogia
Masterclass in reportage
Krong Kracheh Pagoda | ©2019, Gabriele Orlini
Donna in preghiera, Krong Krachenh Pagoda, Kratie | ©2019, Gabriele Orlini

Il silenzio che non ho ascoltato

Dal taccuino di Gabriele Orlini

Diari dalla Cambogia | Kratìe, 29 agosto 2019

Sono ormai giorni che abbiamo lasciato le rumorose e trafficate strade di Phnom Penh e, dirigendoci verso est nelle montagne del Mondulkiri, sapevamo che avremo incontrato una situazione ben diversa rispetto alla capitale.

Ma è solo qualche giorno dopo che mi sono reso conto che questa diversità non era data solo dalla gente o dalla geografia dei luoghi. La differenza stava nella mancanza di rumore, una mancanza tale da poterlo definire… silenzio.

In Cambogia, il silenzio non è solo mancanza di rumore, ma è molto di più.
È una forma di silenzio la cordialità delle persone. Degli anziani senza denti che fieramente sorridono come se li avessero ancora. Dell’innocua timidezza delle ragazze che ti servono da mangiare e, pur non comprendendo una virgola di quel che dici, continuano ad ascoltarti perché sei ospite, e non cliente.
È un silenzio anche quello dei bambini che sanno una parola sola nella tua lingua e la dicono in continuazione quando ti vedono: hello!

Casa a Kampong Cham | ©2019, Gabriele Orlini
Interno casa villaggio khmer, Kampong Cham (Cambodia) | ©Gabriele Orlini, 2019

La Cambogia è anche chiamato il Paese delle Foreste di Pietra, facendo riferimento ai mille mila templi risalenti alla magnificenza dell’antico impero Khmer. E forse sarà proprio questa la ragione del silenzio che si respira nell’aria ancor prima che nelle orecchie: il fiero popolo khmer, che di quell’impero è oggi discendente, ha nel proprio intimo una calma e una disponibilità che in molti altri popoli è andata perduta. Forse.

Oppure è solo un’impressione che imbroglia chi percorre il verde ammaliante di questa terra.
Ma, alla fine, a chi può importare?

Noi stiamo viaggiando nella terra che mi ha fatto comprendere la mancanza del rumore, e, tra qualche giorno, arriveremo nelle montagne dove gli elefanti diventano leggenda.

Testo | Gabriele Orlini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Founder
Documentary Photoreporter
Racconto le storie dei singoli, uomini e donne che insieme formano quel puzzle scomposto chiamato Umanità e a cui tutti, in qualche modo, apparteniamo.

Lascia un commento

Gabriele Orlini
Un paese vibrante
Cambogia, il paese dove se guardi una persona un secondo di troppo questa ti sorride. E questo è sufficiente per sentirsi in pace con questo luogo.
Gabriele Orlini
S21 - La collina del mango selvatico
S21, una volta Scuola Superiore Tuol Sleg a Phnom Penh, è stato il più importante centro di detenzione e tortura ad opera del regime dei khmer rossi.
Gabriele Orlini
Il privilegio dell'incontro
Il mestiere del fotoreporter è fatto d'incontri e di relazioni con le persone e con gli ambienti, con il mondo che si conosce e con quello che si trasforma.
Avanza lento tra le fronde degli alberi guidato dal suo mahut in un silenzio quasi liturgico. La foresta li accoglie ed è testimone del loro dialogo muto.
Cambogia| Lab| Travel
Kaoh Trong: un isola di 10 km appoggiata su un banco di sabbia al centro del Mekong. Due antiche pagode, campi di riso, banani, e pomeli.
Cambogia| Lab| Monk
Il fotoreporter ha fame. Ed è qui che arriva la sinestesia. Il fotoreporter conosce già il prezzo della prossima storia che andrà a raccontare.
Cambogia| Lab| Testimonianze
Le tarantole sono uno dei piatti più caratteristici della cucina cambogiana e anche un potente elisir di bellezza – dicono.
Cambogia| Lab| Travel
Una piccola comunità Cham. Pescatori musulmani che vivono ai bordi del Mekong, di fronte lo scintillante Riverside di Phnom Penh.
Cambogia| Lab| Muslim

Il silenzio che non ho ascoltato

Info e iscrizione

L’invio di questo modulo di iscrizione è da intendersi come “proposta” da parte di chi invia e permette il mantenimento del posto al Training o alla Class. La conferma dell’iscrizione, che vale quale “prenotazione” sarà considerata effettiva solo dopo l’approvazione da parte del professionista che seguirà il Training o la Class e al pagamento della quota prevista.

+39 347 5113829

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)

Newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle ultime Storie, sulle Masterclass e gli Eventi Speciali di DooG Reporter