Cerca

Ultime Storie

Lisa Zillio
High Line, malinconica e indisciplinata bellezza
Qual è il segreto della High Line, il parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di squarciare il West Side di Manhattan?
Natascia Aquilano
Le Belle di San Berillo
Un quartiere carcassa, eppure romantico. Un corpo morente tenuto in vita dagli ultimi, dagli “indicibili”: le Belle di San Berillo.
Erica Balduzzi
La scasada del Zenerù
Il 31 gennaio, ad Ardesio, si celebra la “Scasada del Zenerù”: letteralmente la “scacciata di Gennaione”, un grande momento di aggregazione per tutto il paese.

News Racconti

Argomenti

Keep in Touch

Storia sbagliata | Carmine Rubicco, ©2019
Storia sbagliata | Carmine Rubicco, ©2019

Una storia sbagliata

Un racconto di Carmine Rubicco

Una via semi buia e deserta di una città qualunque durante una notte d’inverno. Un uomo costretto a vivere per strada e a dormire all’addiaccio. Storia di ordinaria solitudine. Una storia sbagliata, sporca, imprecisa, disturbante, poco accattivante, per niente glamour.
Poco accorta alle tendenze attuali che impongono il non vedere, il girare gli occhi per non restare disturbati. Perché a volte l’ignoranza cosciente è molto più facile da sopportare che lo schiaffo di una realtà che può cadere addosso a chiunque.

Un uomo qualunque di mezza età è costretto a nutrirsi di carità e coprirsi grazie agli sprechi altrui. Un essere umano obbligato ad aspettare notte fonda per trovare riparo tra quattro mura che non servono più, lasciate all’incuria e abbandonate a se stesse. Un individuo che per l’ennesima volta si abbandonerà nel silenzio e silenziosamente su un vecchio materasso rabberciato tra lenzuola composte da sacchi di plastica e indumenti dismessi appoggiando la dignità su una sedia rotta.

Di nuovo sogni che sapranno di urina e feci, cibi scaduti e scatolette di tonno aperte, i soli “profumi” conosciuti dalla sua stanza improvvisata. Sogni che forse gli porteranno alla mente momenti migliori e la speranza di un domani diverso, come racconta con un filo di voce. La voce di un uomo che tutti fingono di non vedere, che tutti spingono notte dopo notte con atteggiamenti e sguardi fuggevoli, mani invisibili, in un inferno di solitudine e silenzio.

Non è importante il nome di quest’uomo, non è importante la sua nazionalità, né tantomeno è importante la città in cui tutto questo accade. Succede in ogni quartiere, comune, grande o piccolo che sia, in ogni nazione, in ogni paese. Perché alla fine tutti i luoghi si portano addosso un elemento comune, e non sempre quello migliore.
Ma quello che conta è che un pezzo di umanità si sta lentamente consumando nell’indifferenza generale. Ancora una storia sbagliata.

Testo | Carmine Rubicco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email

Lascia un commento

Carmine Rubicco
Journalist | Photographer
Autore

Altri racconti

Altri Articoli

Una storia sbagliata

Info e iscrizione

L’invio di questo modulo di iscrizione è da intendersi come “proposta” da parte di chi invia e permette il mantenimento del posto al Training o alla Class. La conferma dell’iscrizione, che vale quale “prenotazione” sarà considerata effettiva solo dopo l’approvazione da parte del professionista che seguirà il Training o la Class e al pagamento della quota prevista.

+39 347 5113829

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)

Newsletter

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle ultime Storie, sulle Masterclass e gli Eventi Speciali di DooG Reporter