world stories

Percorriamo il mondo

attraverso le sue storie

per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
5
Continenti
98+
Paesi Visitati
722
Libri letti
171
Aeroporti
100000+
Miglia a Piedi
per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
di Joyce Donnarumma
Sono passati due anni, ma non è cambiato nulla. Il reportage di Joyce Donnarumma, dal Venezuela
di Chantal Pinzi
Il reportage di Chantal Pinzi sui Guajiros, una delle ultime dieci comunità indio-americane, tra Colombia e Venezuela.
di Ilaria Lazzarini
In Malawi è presente una condizione di vulnerabilità diffusa, per cui la cura e la prevenzione dell’HIV/AIDS rappresentano una vera sfida.
di Ilaria Lazzarini
A Kouini, in Burkina Faso, la vita va avanti grazie al lavoro e alla forza delle donne.
di Matteo Placucci
Passeggiando per le strade dell'Uganda si incontrano bambine vestite da principesse, fatine, cenerentole. Come mai?
di Matteo Placucci
Il colore della terra è il colore che accompagna il sorriso dei bambini che giocano in Africa.
per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
di Ilaria Lazzarini
Pissy è il nome di una cava di granito situata a pochi minuti dalla capitale del Burkina Faso, dove lavorano più di tremila persone.
di Matteo Placucci
Shanghai sta implodendo per esplodere di modernità, ma il rischio è quello di perdere la propria anima.
di Matteo Placucci
Com’è la vita dei sei Panda nello zoo di Beijing, uno dei pochi luoghi al mondo dove questi animali vivono in cattività?
di Joyce Donnarumma
La Cordigliera ci sfida e noi pronti ad affrontarla iniziamo a salire. Arriviamo a 4000 metri. Le vette riempiono gli occhi di mille colori.
di Joyce Donnarumma
Buenos Aires, immensa, ci costringe a salutare l'infinità del cielo. E con alberi e palazzi disegna un imperfetto orizzonte.
di Joyce Donnarumma
Io sono la Patagonia. Amante difficile, essenza del sogno. Elementare forma della vita, immobile spettatrice. Io sono Polvere e Vento.
per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
di Matteo Placucci

Durante l’ultima settimana di dicembre, Lalibela diventa il centro del mondo per gli etiopi di fede ortodossa. La famosa cittadina situata a nord, nella regione Amhara, diventa la meta per centinaia di pellegrini che, settimane prima del sette gennaio, si mettono in cammino per raggiungere le chiese scavate nella roccia e celebrare lì il Natale.

Ogni faccia, ogni veste, ogni suono racconta una storia vecchia migliaia di anni, anni di storia scavati nei volti delle persone come le chiese scavate nella roccia delle montagne, entrambi parte della memoria profonda dell’Etiopia.

di Natascia Aquilano
Tessere un sari con trame broccate in seta, unicamente a mano, oggi più che mai equivale a tessere un sogno, sinonimo di cultura e identità.
di Alida Vanni
Ogni trent’anni nei boschi sacri della Casamance (Senegal), centinaia di giovani diola diventano uomini attraverso l’iniziazione del Boukout.
di Natascia Aquilano
Varanasi, la città sacra dell’India, si rivela porta del paradiso per molti ma un inferno in terra per queste vedove.
di Andrea Calandra
Il racconto di un incontro personale con il Voodoo in Togo, nell'Africa occidentale.
di Elisa De Pascali
Durante il Kumbh Mela si rende omaggio alla leggendaria urna trasportata in volo da Vishnu e contenente gocce di acqua di vita eterna.
di Erica Balduzzi
Il 31 gennaio, ad Ardesio, si celebra la “Scasada del Zenerù”: letteralmente la “scacciata di Gennaione”.
per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
di Carmine Rubicco

Questa è la storia di Little Eden nella cittadina sudafricana di Edenvale, di Lucy Hyams e di suo marito che lottano da quasi 60 anni per prendersi cura degli ultimi tra gli ultimi.

Little Eden tenta di sopperire non solo a mancanze materiali ma, soprattutto, a quelle spirituali e affettive. La struttura non è solo un luogo di accoglienza: è una famiglia e come tale si comporta. Si cerca di prendersi cura l'uno dell'altro, ci si spalleggia e aiuta, nei limiti del possibile.

di Carmine Rubicco
La situazione di quelle famiglie rom che ancora vivono nella Polveriera, e in altri due ghetti di alloggi popolari a Reggio Calabria.
di Anna Consilia Alemanno
Un reportage sul progetto Ragazzi Harraga, fatto in due tempi e da due persone diverse, ma unito dalla presenza di Ismaila. 
di Matteo Placucci
Otto storie di lavoratori a Johannesburg: tutte diverse ma tutte simili, storie di speranze, sogni, necessità e fiducia.
di Natascia Aquilano
Definire Pino - Beatrice non è semplice, “io so io” direbbe, se gli venisse chiesto. E in effetti è proprio così.
di Gabriele Orlini
Sono la tappa di un percorso, di un incontro con gli uomini che respirano il vento della terra situata alla fine del mondo.
di Lisa Zillio
Abel, un uomo dall’età indefinita, era lì quando siamo arrivati a Comodoro Rivadavia con le ombre che ormai si allungavano sulla strada.
per riscoprire la bellezza in questo nostro mondo
di Lisa Zillio

La High Line è un parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di farti attraversare il West Side di Manhattan a 9 metri d'altezza. Da qui, si può godere di una vista unica sulla città.

Ma non è solo questo: è anche un luogo dove la biodiversità e l'elemento antropico sono liberi di conoscersi e integrarsi, formando qualcosa di unico, dalla malinconica e indisciplinata bellezza.

di Italy Photo Awards
Queste fotografie sono frammenti di un viaggio intimo e personale e rappresentano la visione dell’autore di fronte alle ambiguità e ai contrasti del continente latinoamericano.
di Gabriele Orlini
Un elefante avanza lento tra le fronde degli alberi guidato dal suo mahut in un silenzio quasi liturgico.
di DooG | Staff
A Sen Monorom, nel Mondulkiri, la convivenza tra esseri umani ed elefanti non è semplice e si basa su un equilibrio precario.
di Lisa Zillio
Sono angeli con la coda: cagnoletti di varia stazza e misura che incontriamo nei nostri viaggi in giro per il mondo, da sempre.
di Natascia Aquilano
Senza nomi, senza documenti, senza nazionalità, senza tempo. Liberi. Questa è la vita dei Moken, gli ultimi nomadi del mare.
di Marco Barbieri
La giungla nel nord della Thailandia, nei pressi delle montagne del Doi Mod, è molto fitta e difficile da attraversare. Questo è il luogo sacro dei Lahu.

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)