Places
i luoghi si raccontano
People
la vita degli altri
Life
storie di oggi
Culture
custodire le tradizioni
Coexistence
una convivenza possibile
Environment
Singole immagini o storie che documentano l’impatto dell’uomo, positivo o negativo, sull’ambiente. (fonte WPP)
Pissy è il nome di una cava di granito situata a pochi minuti dalla capitale del Burkina Faso, dove lavorano più di tremila persone.
A Kouini, in Burkina Faso, la vita va avanti grazie al lavoro e alla forza delle donne.
Shanghai sta implodendo per esplodere di modernità, ma il rischio è quello di perdere la propria anima.
Matteo Placucci
Otto storie di lavoratori a Johannesburg: tutte diverse ma tutte simili, storie di speranze, sogni, necessità e fiducia.
Com’è la vita dei sei Panda nello zoo di Beijing, uno dei pochi luoghi al mondo dove questi animali vivono in cattività?
Il racconto di un incontro personale con il Voodoo in Togo, nell'Africa occidentale.
La High Line è un parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di farti attraversare il West Side di Manhattan a 9 metri d'altezza.
Un fotoreportage dedicato al programma di vaccinazione contro il virus H1N1, conosciuto come "febbre suina", a Mandacaru, in Brasile.
Italy Photo Awards
Isolation è il primo libro di un progetto a lungo termine che vuole indagare il senso stretto della parola Isola attraverso uno sguardo fotografico.
Italy Photo Awards
Queste fotografie sono frammenti di un viaggio intimo e personale e rappresentano la visione dell’autore di fronte alle ambiguità e ai contrasti del continente latinoamericano.
Avanza lento tra le fronde degli alberi guidato dal suo mahut in un silenzio quasi liturgico. La foresta li accoglie ed è testimone del loro dialogo muto.
Quella impalpabile sensazione di mancanza che ho scoperto avere nella mia vita di occidentale si è originata e risolta lì, nel villaggio Masai di Rombo Manyatta.
A Sen Monorom, nel Mondulkiri, la convivenza tra esseri umani ed elefanti non è semplice e si basa su un equilibrio precario.
Nella giungla che popola queste remote montagne abitano i Bunong, un’etnia animista che da oltre duemila anni vive in simbiosi con la natura del Mondulkiri.
Gabriele Orlini
In swahili è il medico woodo, ma per tutte le genti della foresta è semplicemente "o curandeiro".
Gabriele Orlini
Charan prese la sua chiave con delicatezza e religiosa attenzione. La guardò, la soppesò tra le dita, si avvicinò a una scatola sopra un ripiano.
La storia di come il Ruanda sia riuscito a reagire al terribile genocidio dell’etnia Tutsi, avvenuto nell'aprile del 1994.
Le donne africane sono tante mani che lavorano: sono la vera forza su cui può contare l'Africa. E sono le artefici di questa poesia fatta di argilla.
Sono angeli con la coda: cagnoletti di varia stazza e misura che incontriamo nei nostri viaggi in giro per il mondo, da sempre.
Senza nomi, senza documenti, senza nazionalità, senza tempo. Liberi. Questa è la vita dei Moken, gli ultimi nomadi del mare.
Come ogni altra cosa in Africa anche il Tempo inizia e finisce sempre e solo con un evento e il mio tempo con loro aveva un nome.
La giungla nel nord della Thailandia, nei pressi delle montagne del Doi Mod, è molto fitta e difficile da attraversare. Questo è il luogo sacro dei Lahu.
Pesci bianchi, nati per muoversi nel fango buio della foresta. Pesci bianchi, viscidi e sfuggenti, che diventavano neri appena tolti dalla terra.
Joyce Donnarumma
Un'alzàia mi ha trascinato in un mondo ancora sospeso tra un fascinoso passato e un incerto futuro: il mondo dei Moken, gli ultimi nomadi del mare.

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)