Speciale
Motoforpeace
Sud America 2020 | Anonimi della fede
Patagonia dal drone
Patagonia argentina | ©Gabriele Orlini, 2020

#12 | Soy Polvo y Viento

Dal taccuino di Joyce Donnarumma

Patagonia, febbraio 2020

Ricordo la polvere dei cavalli in corsa e nubi di fumo portate dal sibilare del vento. Ricordo il falco guardare dall’alto le mie rughe. E insetti immobili sulle rocce bianche. Ricordo le montagne grigie intraviste nell’afosa foschia. Notti fredde e sterminate nella Pampas, tra rovi e fiumi.

Ricordo i volti duri, e le voci urlanti di una lingua ormai perduta. Ricordo esploratori inopportuni alla ricerca di mondi a loro incomprensibili. Passi pesanti calpestare cespugli spinosi. Sgretolare le pietre come il tempo che scorre.

E nel tempo che qui si perde, perdo i miei ricordi. E questo cielo. E queste stelle.

Ora, vedo migranti di tutte le latitudini varcare nuove frontiere. Vedo lingue d’asfalto graffiare la mia terra. Camion imponenti sporcare l’orizzonte. Vedo auto, moto e biciclette. Turisti ammaliati dal mio silenzio sfidare le proprie piccole solitudini. Attraversarmi è il loro obiettivo. L’incanto del viaggiare li spinge verso sud alla ricerca di una calma ancora primitiva.
Più giù, dove l’avventura è ancora possibile, lì dove il mondo finisce.

Soddisfatti del loro errare non possono far altro che risalire, battendo ancora la mia terra stanca.
E camminando sotto il sole che tramonta a ovest e si inabissa nel Pacifico (cit.), non si curano della mia malinconia. Distratti, voltano le spalle al mio passato e quel che resta è l’amara libertà degli infiniti spazi.

Io sono la Patagonia.
Amante difficile, essenza del sogno. Elementare forma della vita, immobile spettatrice.
Io… sono Polvere e Vento.

Testo | Joyce Donnarumma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Autrice
Photographer | Traveller
Mi sono imbattuta per caso nella fotografia e ora ne seguo la strada che mi porta a relazionarmi con il mondo e con gli uomini.
LatinoAmerica
#18 | La missione deve fermarsi!
La quinta – e ultima – short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
Bolivia| covid-19
LatinoAmerica
#17 | Bloccati a La Paz
Il coronavirus aveva per la prima volta toccato e scalfito anche il nostro obiettivo: concludere la missione e fare fede all'impegno che ci eravamo presi.
Bolivia| MotoForPeace
LatinoAmerica
#16 | Cielo a revés
La Cordigliera ci sfida e noi pronti ad affrontarla iniziamo a salire. Arriviamo a 4000 metri. Le vette riempiono gli occhi di mille colori.
Argentina| Bolivia
LatinoAmerica
#15 | Giardini nascosti
La quarta short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America. Siamo in Argentina.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#14 | Bailar en silencio
Buenos Aires, immensa, ci costringe a salutare l'infinità del cielo. E con alberi e palazzi disegna un imperfetto orizzonte.
Argentina| Buenos Aires
LatinoAmerica
#13 | Il motore si spegne alla sera
Questa è la terza short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#11 | La Ruta 40 non perdona
La Ruta 40 non perdona. La Ruta 40 la percorri piano, quasi chiedendo il permesso, e speri che lo sguardo del Gauchito Gil sia sempre con te.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#10 | La Carretera Austral
1240 chilometri di sterrato e tratti d’asfalto tra le nuvole e le acque cristalline delle Ande. Questa è la Carretera Austral.
Chile| MotoForPeace

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)