Speciale
Motoforpeace
Sud America 2020 | Anonimi della fede
MFP2020-00
Aeroporto Fiumicino | ©Gabriele Orlini, 2020

#00 | Amòr America

Dal taccuino di Gabriele Orlini

Roma, 29 gennaio 2020

Ho più volte pensato e affermato che “il viaggio comincia quando – alle tue spalle – chiudi la porta di casa”. E se questo è sempre stato vero nella mia mente, chi invece ha l’onere di vivermi nel quotidiano ha, quasi certamente, un’opinione molto diversa.

Ho le mie regole su quando preparare la sacca e come prepararla, che accade solo ed esclusivamente dopo aver selezionato e verificato tutta l’attrezzatura. I documenti da portare, dove sistemarli e in quale ordine; per sapere dove trovarli senza perdere tempo.
Faccio tutto con molta calma, in silenzio. Il giorno prima della partenza.
Non c’è un’emozione che possa distrarre o modificare quello che ormai considero un rito. E come tale, ecco che la preparazione e la chiusura di quella porta che decreterà l’inizio del viaggio si trasforma serenamente in una liturgia laica, mai blasfema.

Questo viaggio, però, ha un sapore diverso.
Questo viaggio – e quindi il lavoro che andremo a fare – nasce da molto più lontano. Sono serviti due anni per pianificarlo, per prepararlo, per creare quelle condizioni in termini di geografia, di contatti, di relazioni, di partecipanti pure, affinché si potesse, oggi 29 gennaio 2020, chiudere quella porta alle nostre spalle e cominciare questa straordinaria avventura umanitaria insieme agli uomini e alle donne di MotoForPeace.

Il nostro compito – come DooG Reporter – sarà quello di raccontare loro e quello che stanno facendo nel continente sudamericano.

Il mio, come semplice uomo, sarà quello di viverlo al meglio nel rispetto della terra e delle genti che lo abitano, di coloro hanno il diritto delle parole di Maruja Torres quando lo chiama Amòr America.

mfp2020 mappa

Testo | Gabriele Orlini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su reddit
Condividi su email
Co-founder
Documentary Photoreporter
Racconto le storie dei singoli, uomini e donne che insieme formano quel puzzle scomposto chiamato Umanità e a cui tutti, in qualche modo, apparteniamo.
LatinoAmerica
#18 | La missione deve fermarsi!
La quinta – e ultima – short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
Bolivia| covid-19
LatinoAmerica
#17 | Bloccati a La Paz
Il coronavirus aveva per la prima volta toccato e scalfito anche il nostro obiettivo: concludere la missione e fare fede all'impegno che ci eravamo presi.
Bolivia| MotoForPeace
LatinoAmerica
#16 | Cielo a revés
La Cordigliera ci sfida e noi pronti ad affrontarla iniziamo a salire. Arriviamo a 4000 metri. Le vette riempiono gli occhi di mille colori.
Argentina| Bolivia
LatinoAmerica
#15 | Giardini nascosti
La quarta short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America. Siamo in Argentina.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#14 | Bailar en silencio
Buenos Aires, immensa, ci costringe a salutare l'infinità del cielo. E con alberi e palazzi disegna un imperfetto orizzonte.
Argentina| Buenos Aires
LatinoAmerica
#13 | Il motore si spegne alla sera
Questa è la terza short clip on the road della serie dedicata alla lunga missione della onlus MotoForPeace, in Sud America.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#12 | Soy Polvo y Viento
Io sono la Patagonia. Amante difficile, essenza del sogno. Elementare forma della vita, immobile spettatrice. Io sono Polvere e Vento.
Argentina| MotoForPeace
LatinoAmerica
#11 | La Ruta 40 non perdona
La Ruta 40 non perdona. La Ruta 40 la percorri piano, quasi chiedendo il permesso, e speri che lo sguardo del Gauchito Gil sia sempre con te.
Argentina| MotoForPeace

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)