Filmmaker & Producer
Co-founder di DooG Reporter
Lisa Zillio Profilo
Mi piace percorrere strade dove la vita s'intreccia con l'arte.

Lisa Zillio lavora con immagini e parole. Ha una formazione in Management culturale e un master in filmmaking conseguito presso la NYFA – New York Film Academy. Dal 2010 si occupa di comunicazione multimediale con una predilezione per il settore culturale.

Le piace raccontare storie che descrivono luoghi, dove l’ambiente è il vero protagonista mentre la componente umana – se c’è – svolge un ruolo secondario. Ma, contraddicendo quanto appena detto, è interessata anche all’esplorazione e alla narrazione di quel quid artistico proprio degli esseri umani.

Ha fatto parte della redazione di un giornale scientifico. Ha prodotto video per mostre multimediali. Le sue foto sono state pubblicate in due libri. Ha documentato diverse spedizioni scientifiche e umanitarie tra Asia e Sud America. Ed è proprio nell’on the road che Lisa Zillio dà il meglio di sé. Adora avere un mezzo a quattro ruote come ufficio, le nottate a montare video e la bellezza del mondo che le tende un tranello a ogni curva della strada, per stupirla una volta in più.

Curiosa per noia, tiene i piedi in più staffe ma senza creare collisioni: produrre video, leggere, scrivere – non necessariamente in quest’ordine. Non ha un libro preferito ma la letteratura latinoamericana la investe a ondate cicliche nell’arco degli anni.

Non ama molto stare in mezzo a troppe persone, né essere al centro dell’attenzione – o essere fotografata: difficile trovare di lei una foto in cui, se messa in posa, abbia un’espressione sensata. Quando può, inforca la sua bicicletta per immergersi nella natura, ma rigorosamente con le cuffiette nelle orecchie e gli occhiali da sole.

Si commuove davanti a un arcobaleno che si immerge nell’oceano, osservando un granchio ballerino o sentendo il rumore del ghiaccio che si muove nella maestosità del Perito Moreno.

Lisa Zillio su DooG Reporter
ENTIENDO | Una cruzada de paz lungo le rotte del Latino America: il docufilm prodotto da DooG Reporter, basato sulla spedizione di MotoForPeace in Sud America.
Un viaggio alla ricerca di cosa significa, oggi, chiamare un posto “casa”: da punto fermo a un luogo nell’anima in perenne cammino.
Abel, un uomo dall’età indefinita, era lì quando siamo arrivati a Comodoro Rivadavia con le ombre che ormai si allungavano sulla strada.
La High Line è un parco urbano costruito sui resti di una ferrovia sopraelevata, in grado di farti attraversare il West Side di Manhattan a 9 metri d'altezza.
In questi giorni di lockdown continuate a viaggiare con noi, a conoscere il mondo attraverso le storie che vi raccontiamo.
La Ruta 40 non perdona. La Ruta 40 la percorri piano, quasi chiedendo il permesso, e speri che lo sguardo del Gauchito Gil sia sempre con te.
1240 chilometri di sterrato e tratti d’asfalto tra le nuvole e le acque cristalline delle Ande. Questa è la Carretera Austral.
Siamo un gruppo e per questo, come mi è stato detto una volta “porta sempre con te un paio di calzini anche per il tuo compagno di strada”.
Uno dei privilegi di fare il nostro mestiere è quello di poter raccontare i pensieri più intimi delle persone che andiamo a incontrare.
Siamo arrivati a Valparaíso dove siamo ospiti del Colegio San Damian de Molokai. Siamo nella città dei colori, dei sali e scendi e di Pablo Neruda.
La missione umanitaria della Onlus MotoForPeace in Sud America nel 2020, attraverso Cile, Argentina, Paraguay, Bolivia e Perù.

Ma non scordare i fusi orari
Attention about the time zone (CEST)

Sede
Metropolitan City of Venice (Italy)